Ultime notizie

5 Settembre 2023

Residenziale Milano: negli ultimi 5 anni rialzi dei prezzi oltre il 40%

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

La crescita dei prezzi delle abitazioni a Milano non mostra segni di rallentamento. Negli ultimi cinque anni i prezzi della città meneghina sono saliti del 43,2%, contro una media delle altre metropoli pari all’8,8%. Il capoluogo lombardo ha staccato le altre città con un aumento dei valori che ha interessato, in particolare, le zone periferiche che hanno registrato un rialzo del 50,3%. 

Secondo le analisi dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa, i prezzi elevati delle zone centrali e semicentrali hanno comportato negli anni uno spostamento degli acquisti verso le zone periferiche, motivo per cui queste ultime hanno sperimentato un rialzo dei valori. 

A determinare questo trend - spiega Fabiana Megliola, Responsabile Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa - anche la ricerca di spazi esterni e metrature più ampie, caratteristiche più facili da trovare nelle zone periferiche e a prezzi più accessibili. Tra le macroaree della città che hanno performato meglio della media cittadina se ne evidenziano tre in particolare: Fiera-San Siro, Bovisa-Sempione e Lodi-Corsica.

A consentire questo risultato hanno contribuito diversi fattori, tra cui primo fra tutti gli interventi di riqualificazione in corso sul territorio meneghino. Fiera-San Siro è la macroarea che ha segnalato l’aumento dei prezzi più importante con +59,2%. I quartieri maggiormente interessati al recupero dei valori sono stati San Siro (+64,7%) e San Siro Capecelatro (76,5%), dove a fare la differenza è stato l’arrivo della metropolitana lilla, anni fa, che ha determinato una maggiore domanda sia di acquisto sia di affitto, avendo migliorato i collegamenti con il resto della città, in particolare con i due più importanti poli direzionali di City Life e Porta Nuova. La presenza di prezzi più contenuti rispetto a quartieri più semicentrali ha attirato la domanda di chi ha una bassa disponibilità di spesa. 

A seguire tra le macroaree che si sono rivalutate c’è quella di Bovisa-Sempione (+55,8%) in cui diversi quartieri hanno ben performato negli ultimi anni con aumenti di prezzo significativi. Tra questi ci sono Comasina (+85,7%), che deve l’aumento ai prezzi più bassi che hanno attirato la domanda di chi ha poca disponibilità di spesa o dai più costosi quartieri confinanti, e Bovisa (80%), che si sta rivalutando grazie ai diversi interventi di riqualificazione in corso e che sente la vicinanza dell’intervento dello Scalo Farini che sta richiamando investitori nella zona. Per lo stesso motivo, nel quartiere Farini si registra un incremento del 75%; qui impatta anche la saturazione del mercato di Isola, che ha spinto gli acquirenti verso il quartiere confinante. 

La macroarea di Lodi-Corsica (+48,4%) ha dalla sua la riqualificazione dello Scalo di Porta Romana, che sta facendo sentire in maniera importante i suoi effetti, così come i progetti per le Olimpiadi Invernali. L’area di Forlanini (+62,8%) deve il buon andamento sia alla vicinanza a Santa Giulia, dove sorgeranno alcune strutture per le prossime Olimpiadi, sia all’arrivo della metropolitana 4. I prezzi bassi hanno stimolato la domanda di prima casa e quella per investimento.

 

VARIAZIONE PERCENTUALE PREZZI IMMOBILIARI MILANO

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest