Ultime notizie

16 Marzo 2023

Mutui: pesa il sesto rialzo dei tassi da parte della BCE

di E.I.

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Ripristinare la stabilità dei prezzi. Con queste parole Christine Lagarde giustifica il sesto aumento di 50 punti base sul costo dei depositi. Rispetto al primo rialzo della BCE a luglio 2022 si registra una crescita di +267 bps sull'Euribor a 1 mese e di +259 bps sull'Euribor a 3 mesi. Molto più contenuti gli incrementi del tasso di riferimento dei mutui fissi: rispetto a luglio 2022 l'IRS a 10 anni è salito di 100 bps, a 20 anni di 70 bps e a 30 anni di 62 bps. In questo momento il fisso è una scelta più sicura, soprattutto considerando che la forbice tra fisso e variabile è sempre più sottile: la differenza a febbraio è di 11 bps a favore del variabile sulla migliore offerta (2,88% vs 2,99%) e di soli 6 bps sull'offerta media (3,58% vs 3,52%).

MutuiOnline.it ha analizzato gli impatti sulle rate di un mutuo a tasso variabile in seguito a questo nuovo rialzo di 50bps sul costo del denaro. Rispetto a febbraio dello scorso anno la rata di un mutuo variabile, da 140 k€ a 20 anni è aumentata, fino a questo momento, del 25,3% (da 625 € a 783 €), e per un mutuo da 250 k€ a 30 anni è cresciuta del 43,7% (da 793 € a 1.139 €). Con l'ulteriore aumento la rata a 20 anni toccherà quota 819 € e a 30 anni 1.212 €, con un ulteriore aumento della rata rispettivamente del 4,6% e del 6,4% rispetto ad oggi.

Se a febbraio 2022 la rata del mutuo a 20 anni pesava il 22% del reddito mensile di una famiglia italiana (33.000 € il reddito medio), con l'aumento raggiungerà il 30% del reddito mensile. Ancora più alto l'aumento della rata del mutuo a 30 anni, che passa dal 20% al 40% del reddito mensile.

I primi due mesi del 2023 sono caratterizzati da un ritorno delle richieste a tasso fisso, grazie allo spread ridotto con il variabile, che ora rappresentano l'80,3% del mix (+34,3% rispetto al quarto trimestre 2022).

Calano gli importi medi richiesti che ora si attestano sui 130.691 €, oltre 10.000 € in meno rispetto al pari periodo dello scorso anno. Rimane molto alto per il terzo trimestre di fila il reddito medio dei richiedenti, pari a 2.760 €, ben 540 € in più rispetto al pari periodo dello scorso anno. Infine, si nota un leggero incremento del 9,5% delle richieste di under 36, grazie all'estensione della normativa sui mutui giovani, che però non sta avendo lo stesso effetto che ebbe a maggio 2021 probabilmente a causa del differente contesto economico.

Alessio Santarelli, Direttore Generale della Divisione Broking di Gruppo MutuiOnline e AD di MutuiOnline: "Nel contesto attuale con i tassi fissi allo stesso livello dei variabili continuiamo a vedere un forte interesse verso le richieste di surroga, che sono aumentate a partire dall'ultimo trimestre 2022 e che per l'85% sono da tasso variabile a tasso fisso. Oggi il fisso è una scelta ovvia sia per i nuovi mutuatari, sia per chi vuole mettersi al riparo dal continuo aumento delle rate. La Legge di Bilancio ha reintrodotto anche la possibilità di trasformare i mutui a tasso variabili in tasso fisso con la propria banca, a delle condizioni prestabilite. Questa norma però non sembra decollare: gli istituiti di credito ci dicono che stanno ricevendo molte richieste di informazioni ma poche richieste effettive, forse perché i clienti non rispettano i requisiti previsti (mutuo iniziale sotto i 200 mila euro, ISEE sotto i 35 mila euro e nessuna insolvenza o ritardo nei pagamenti) o forse perché l'offerta disegnata con i criteri del decreto non è competitiva in quanto i mutuatari devono trasferire le condizioni di spread di mutui a tasso variabile contratti quando gli Euribor erano negativi a mutui a tasso fisso, condizioni spesso meno competitive rispetto a quanto si trova oggi sul mercato con una normale surroga. Per tutti questi clienti le surroghe sono sicuramente un'opzione da considerare".

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Immobili all’asta: le procedure aumentano per la pr