Ultime notizie

30 Agosto 2023

J. Safra Sarasin: Cina, un prolungato declino degli alloggi

di Mali Chivakul, Emerging Markets Economist di J. Safra Sarasin

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Gli ultimi indicatori cinesi sono risultati inferiori alle aspettative. L'attività abitativa è rimasta molto debole a luglio e i dati fino a metà agosto mostrano una continua debolezza. La debolezza dell'attività immobiliare ha dominato la performance economica della Cina. Il rallentamento degli investimenti e la debolezza delle esportazioni hanno aumentato la pressione sulla domanda. In questo periodo di incertezza, i potenziali acquirenti di case preferiscono rimanere in disparte e conservare la propria liquidità, poiché rimangono scettici sulla capacità dei costruttori di realizzare nuove abitazioni. L'indebolimento delle prospettive occupazionali ha fatto sì che la crescita delle vendite al dettaglio rallentasse al 2,3% annuo a luglio. I consumi di servizi rimangono il principale motore di crescita, sostenuti dalla domanda repressa di viaggi interni.

La risposta del governo alle difficoltà del settore immobiliare è stata limitata e frammentaria, a riprova della difficile situazione in cui si trova il governo cinese. È giusto che sia riluttante nell'utilizzare il libro degli stimoli degli anni passati, data la preoccupazione per gli eccessi del mercato immobiliare. Dal 2018, ha cercato di allontanare il Paese dal modello di crescita guidato dagli investimenti immobiliari e infrastrutturali verso un modello più sostenibile con una crescita di "alta qualità". La pandemia ha interrotto i primi tentativi, ma il mantra ripetuto dal governo, secondo cui "l'edilizia abitativa serve per vivere e non per speculare", indica chiaramente la sua agenda.

I principali responsabili politici sono consapevoli dei limiti del modello di crescita in vigore dalla crisi finanziaria globale. Tuttavia, sono stati lenti nel generare nuove fonti di crescita, aiutando a riequilibrare l'economia dagli investimenti ai consumi. Nel breve termine, il problema è come attenuare il ciclo, tenendo conto dell'attuale eccesso di offerta e del calo strutturale della domanda di alloggi. Nel medio termine, la sfida è come gestire le sofferenze immobiliari e gli asset infrastrutturali locali per garantire che i nuovi flussi di credito siano indirizzati verso cause produttive.

Nel breve termine, le risposte sono state finora quelle di stimolare la domanda di case attraverso l'allentamento delle restrizioni all'acquisto di abitazioni e la riduzione dei tassi di interesse. Finora non sono state efficaci. Sebbene l'allentamento della liquidità per i costruttori "bravi" sia stata una parte delle risposte del governo, in realtà le banche sono state riluttanti a concedere prestiti ai costruttori. Di conseguenza, le difficoltà degli sviluppatori continuano a dominare i titoli dei giornali e gli edifici incompiuti continuano a preoccupare i potenziali acquirenti. Inoltre, l'aspettativa che i prezzi delle case scendano ulteriormente, mentre le prospettive di lavoro sono più incerte, ha tenuto lontani i potenziali acquirenti.

Quale sarebbe una risposta ciclica più efficace? Riteniamo che una maggiore spesa pubblica, soprattutto per i consumi, sia la risposta, ma anche questa ha le sue sfide. In primo luogo, il governo cinese non crede nell'elargizione ai consumatori e preferisce spendere nelle aziende per generare occupazione (e indirettamente aumentare il reddito delle famiglie). In secondo luogo, sebbene il governo disponga di uno spazio fiscale sufficiente per spendere di più a sostegno della domanda, il potere di spesa spetta solo al governo centrale.

I governi locali sono stati colpiti dalla crisi del settore immobiliare e stanno già lottando per bilanciare i propri flussi di cassa. Il governo centrale cinese è storicamente conservatore e si è attenuto alla regola del 3% di deficit. A nostro avviso, il governo centrale interverrebbe per spendere di più (emettendo obbligazioni speciali del governo centrale, come nel 2020) solo nel peggiore dei casi, quando il rallentamento dovesse accelerare.

Il nostro punto di partenza è che il governo continuerà il suo approccio frammentario nel breve termine. È improbabile che ciò generi un sostegno sufficiente a raggiungere l'obiettivo di crescita del 5%. Ma Pechino potrebbe accontentarsi di una crescita leggermente inferiore al 5%, dato che il suo obiettivo è circa il 5%.

Il prossimo traguardo per affrontare la sfida a medio termine degli asset immobiliari e infrastrutturali in sofferenza è il Terzo Plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, previsto per ottobre/novembre. Il risanamento richiederà probabilmente una ristrutturazione del debito e la creazione di un'entità per la gestione di questi asset (simile alle società di gestione degli asset cinesi del passato), oltre a una riforma delle finanze dei governi locali (per ridurre la dipendenza dal settore immobiliare e incentivarli a investire in modo efficiente). Non si tratta di un compito facile, poiché le perdite dovrebbero essere realizzate. Tuttavia, secondo un recente studio del FMI, il patrimonio netto finanziario del governo cinese è stimato al 7,3% del PIL, il che suggerisce che il governo ha la capacità di assorbire alcune di queste perdite. Qualsiasi segnale che indichi che il governo si sta muovendo nella direzione delle riforme sarebbe positivo per le prospettive a medio termine. Il successo della ristrutturazione delle imprese statali in Cina nei primi anni 2000 offre una buona lezione.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi