Ultime notizie

9 Gennaio 2024

Fiaip sulla legge di Bilancio: per la casa il Governo può e deve fare di più

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

“Luci e ombre”: ecco come viene definita la legge di Bilancio 2024 da Fiaip, la Federazione italiana degli agenti immobiliari.

Fiaip recepisce alcune misure contenute nella Manovra in maniera “molto positiva”. Tra queste, il rifinanziamento e la proroga del Fondo di Garanzia Consap a favore dell’acquisto della prima casa, il riordino normativo che chiarisce l’obbligo anche per i portali di intermediazione immobiliare di versare la ritenuta d’acconto nelle locazioni brevi, la conferma per il 2024 degli incentivi fiscali edilizi, l’introduzione della facoltà di compensare i crediti fiscali tramite Inps e Inail, l’istituzione di un Fondo per il disagio abitativo e la conferma, anche per il 2024, delle disposizioni in materia di rivalutazione dei valori di acquisto dei terreni edificabili.

Tuttavia, la Federazione ritiene che altre scelte del Governo “non sono considerabili a favore del comparto”, perché determinano un indiretto aumento della tassazione in ambito immobiliare, già molto elevata. È il caso dell’aumento della cedolare secca per le locazioni brevi, seppur dalla seconda casa affittata, dell’introduzione della plusvalenza in caso di vendita di immobili ristrutturati con il Superbonus, dell’aumento dell'Ivie per gli immobili situati all’estero e del consistente incremento, dal 1° marzo, della ritenuta applicata ai cosiddetti bonifici “parlanti”, ovvero quelli effettuati per le spese relative ad interventi agevolati sul patrimonio immobiliare.

Gian Battista Baccarini, Presidente Nazionale Fiaip: “La manovra contiene segnali positivi per il settore ma anche misure che aumentano il carico fiscale in ambito immobiliare già a livelli insostenibili. Questo Governo può e deve fare molto di più per un comparto così strategico per l’economia nazionale. Servono politiche attive con una visione a medio lungo termine prioritariamente incentrate su un riordino e una riduzione reale della fiscalità immobiliare che incentivino la locazione, agevolando l’accesso alla casa, e, nello stesso tempo, atte a favorire la transizione ecologica e digitale del patrimonio immobiliare alimentando l’attrattività del nostro mercato, con conseguenti ricadute positive per la comunità, per gli operatori professionali e, in generale, per l’intero sistema economico Italiano.”

7x10

Il 12 giugno la 23° edizione di RE ITALY è stata la migliore in assoluto. A parte la presenza degli operato