Ultime notizie

15 Gennaio 2024

Eurisc (Crif): cautela nella domanda di prestiti, cresce del 4% l‘importo medio

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Dinamica altalenante per il mercato dei prestiti nel 2023, con i primi cinque mesi in crescita, seguiti da una frenata, più o meno marcata, nei mesi successivi. Lo dicono i dati di Eurisc, il sistema di informazioni creditizie gestito da Crif.

Le richieste si sono dimostrate stabili, con un +0,4% rispetto al 2022. A risentire maggiormente di questo andamento a singhiozzo sono state le richieste dei finanziamenti finalizzati con un -10,4%, mentre tiene il comparto i prestiti personali che ha segnato un +18,9%.

Simone Capecchi, Executive Director di Crif: “Il 2023 è stato l’anno della cautela, sia per quanto riguarda le famiglie che hanno ridimensionato i progetti di spesa, sia dal punto di vista dell’offerta, con una maggiore attenzione sui criteri di accesso al credito per via dell’incertezza generata dal contesto geopolitico, dall’inflazione e dall'aumento dei tassi di interesse da parte della Bce. Le previsioni dell’anno da poco iniziato mostrano che l’espansione delle consistenze di credito sarà inferiore rispetto alle performance del biennio 2021-2022, anche perché la maggiore rischiosità attesa manterrà caute le politiche di offerta. In questa direzione vanno le raccomandazioni degli organi di vigilanza che sollecitano gli operatori a mantenere alta l’attenzione sulla domanda di credito”.

Quanto all'importo medio dei finanziamenti richiesti, dopo tre anni negativi, ritorna a crescere con un +4% e un valore di 8.427 euro. La dinamica positiva coinvolge i prestiti finalizzati con un valore pari a 5.862 euro (+2,5% rispetto al 2022), mentre i prestiti personali scendono a 11.759 euro (-3,8% vs 2022).

Nel dettaglio della distribuzione dei prestiti per fascia di importo, il dato cumulato mostra come un italiano su due richiede importi inferiori ai 5.000 euro (54,4% del totale), seguiti dagli scaglioni appena superiori: 10.000-20.000 euro (17,3%) e 5.000-10.000 euro (16,4%). La domanda, seppur in prevalenza di piccoli importi, viene dilazionata su un arco temporale comunque superiore ai 5 anni per il 27,3% degli italiani, per pesare il meno possibile sul bilancio familiare.

La dinamica prudente delle famiglie italiane si rispecchia anche nello spaccato delle due forme tecniche prese in esame: il 76,3% delle richieste di prestiti finalizzati ha una estinzione del debito entro i 3 anni; mentre i prestiti personali, che spesso rappresentano un impegno particolarmente gravoso per le famiglie, tendono a concentrarsi nella fascia di durata superiore ai cinque anni, 50,2% del totale.

Osservando, infine, la distribuzione delle richieste di prestiti (aggregato personali e finalizzati) in relazione all’età del richiedente, il Barometro CRIF evidenzia come nel 2023 la fascia compresa tra i 25 e i 54 anni sia stata quella maggioritaria, con una quota pari al 63,4% del totale.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital