Ultime notizie

4 Dicembre 2023

Canoni locazione case, il calo di novembre non ferma la crescita a/a: +12,1%

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Scendono i canoni di locazione nel mese di novembre. Rispetto a ottobre, secondo l’Ufficio studi di Idealista, si registra una diminuzione del 2,1%, stabilendosi in media a 12,4 euro/mq. Tuttavia, il rallentamento mensile non ferma l’aumento annuale: l’incremento rispetto allo stesso periodo del 2022 è stato del 12,1%.

A livello regionale, si osservano cali generalizzati degli affitti in tutte le aree, tranne in Trentino-Alto Adige (+3,2%) e Molise (+1,2%). Le contrazioni più marcate interessano Valle d'Aosta (-8,4%), Calabria (-5,2%) e Puglia (-4,7%), seguite da Liguria (-4,4%) e Abruzzo (-4%). Le restanti 13 regioni in ribasso oscillano tra il -3,5% del Lazio e il -0,2% del Piemonte.

La regione con i canoni di affitto più elevati è la Valle d'Aosta (18,9 euro/mq), seguita da Lombardia (17,5 euro/mq), Toscana (15,8 euro/mq) e Trentino-Alto Adige (14,4 euro/mq).

Prezzi superiori alla media italiana sono riscontrati anche in Emilia-Romagna (13,1 euro/mq), mentre le altre regioni oscillano dai 12,3 euro del Lazio ai 6,3 euro mensili del Molise, la zona più conveniente per gli affittuari italiani.

Parallelamente alle regioni, la tendenza provinciale degli affitti risulta negativa, con cali in 73 zone su 107. I ribassi superiori al 10% sono registrati a Latina (-16%), Grosseto (-13,6%), Fermo (-13%), Sassari (-11,1%) e Brindisi (-10,2%). Al contrario, gli incrementi più marcati interessano Oristano (+8,2%), Sondrio (+7%) e Bolzano (+6,5%).

In termini di prezzi, Lucca (26,6 euro/mq) si posiziona come la provincia più costosa, seguita da Belluno (25,9 euro/mq), Bolzano (21,5 euro/mq) e Milano (21,2 euro/mq). Le province con affitti più accessibili sono Enna (4,9 euro/mq), Caltanissetta (5,2 euro/mq) e Benevento (5,5 euro/mq).

Si parla di:

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Immobili all’asta: le procedure aumentano per la pr