Ultime notizie

8 Luglio 2024

Charme Capital di Montezemolo acquisisce il controllo di Animalia: gli advisor coinvolti

di Red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Charme Capital Partners SGR, società di investimenti fondata nel 2003 da Luca e Matteo Cordero di Montezemolo, ha completato l'ingresso, attraverso il fondo Charme IV, in Animalia, catena di cliniche veterinarie in Italia, con una partecipazione di controllo del 56%. L'accordo, in totale continuità gestionale e imprenditoriale con il progetto dei fondatori Antonino Santalucia e Giorgio Romani, prevede che questi ultimi mantengano le loro posizioni di amministratori delegati e azionisti. L'investimento è avvenuto tramite un aumento di capitale che ha fornito ad Animalia le risorse necessarie per continuare ad accelerare il suo piano di consolidamento e crescita organica.

PedersoliGattai ha assistito Charme Capital Partners con un team multidisciplinare coordinato dal partner Carlo Montagna, coadiuvato dalla senior associate Francesca Pietanza, e composto dalla senior associate Michela Sandri e dalle associate Elena Secondari e Francesca Lacava per i profili corporate. Gli aspetti finance dell'operazione sono stati gestiti dal partner Gian Luca Coggiola con l'associate Davide Stracquadanio; mentre per i profili antitrust/golden power ha agito il salary partner Alessandro Bardanzellu. La senior associate Federica Ferretti e l'associate Silvia Maresi hanno agito per i profili labour, mentre il senior counsel Nicola Martegani, con il senior associate Matteo Bortolotti, hanno gestito gli aspetti di due diligence.

Spada Partners ha assistito Charme Capital Partners SGR con il managing partner Roberto Spada e il partner Luca Zoani, coadiuvati da Pasquale Miracolo e Pierpaolo Colucci, che hanno curato la struttura dell'operazione e la due diligence fiscale. Giovannelli e Associati ha assistito Animalia e i suoi soci con un team coordinato dal partner Fabrizio Scaparro, coadiuvato dalla senior associate Paola Pagani e dall'associate Matteo Bruni, e composto dagli associate Filippo Noci e Alessandra Gritti per i profili corporate. Gli aspetti finance dell'operazione sono stati gestiti dal partner Valerio Fontanesi, dal senior associate Gaetano Petroni e dall'associate Massimo Giordano.

Lo studio legale Dentons ha assistito i finanziatori e, in particolare, alcuni fondi gestiti da Arcmont Asset Management e Carlyle Global Credit, nonché illimity Bank S.p.A., con un team multidisciplinare coordinato dal partner Alessandro Fosco Fagotto e dal counsel Tommaso Zanirato, coadiuvati dal partner Gianpaolo Garofalo con la counsel Bianca Sinisi, l'associate Gaia Grossi e la trainee Anna Zanoni. Per i profili fiscali ha agito il partner Fabrizio Capponi con il senior associate Luca De Rossi.

Gitti and Partners ha assistito i soci di Birsa nella vendita e nel reinvestimento in relazione agli aspetti fiscali e di struttura dell'operazione, con un team composto da Diego De Francesco, Paolo Ferrandi, Saverio Pizzi. Magda Picchetto e Lorenzo Stellini hanno assistito Antonino Santalucia e Giorgio Romani per gli aspetti legali relativi al reinvestimento del management nell'ambito dell'operazione.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest