Ultime notizie

25 Luglio 2023

BCE, banche: standard creditizi inaspriti. Cala la domanda di prestiti

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Nel secondo trimestre del 2023, gli standard creditizi si sono ulteriormente inaspriti nell'area euro. La percentuale netta di banche che hanno segnalato un inasprimento è stata inferiore rispetto al trimestre precedente, attestandosi al 14%, rispetto al 27% nel primo trimestre, in linea con quanto previsto dalle banche. È quanto emerge dal bank lending survey (BLS) della BCE del mese di luglio.

"L'ampliamento dei margini di prestito e l'aumento dei tassi di interesse hanno rappresentato il principale effetto restrittivo, riflettendo la continua trasmissione di tassi di mercato più elevati ai tassi sui prestiti per imprese e famiglie", si legge nel documento. La stretta netta cumulata dall'inizio del 2022 è stata sostanziale e i risultati del BLS hanno fornito prime indicazioni sul significativo indebolimento della dinamica dei prestiti osservato dallo scorso autunno.

Le banche hanno segnalato anche un ulteriore inasprimento netto dei propri standard creditizi per i prestiti alle famiglie per l'acquisto di abitazioni e per il credito al consumo e altri prestiti alle famiglie (percentuali nette rispettivamente dell'8% e del 18%). Per le famiglie la stretta netta è stata meno marcata rispetto al trimestre precedente per i mutui per la casa, mentre è stata più marcata per il credito al consumo.

Per il terzo trimestre del 2023, le banche dell'area euro prevedono "un ulteriore, seppur più moderato, inasprimento netto" dei criteri di concessione del credito sui prestiti alle imprese e criteri di concessione del credito invariati sui prestiti alle famiglie per l'acquisto di abitazioni. Per il credito al consumo, le banche dell'area dell'euro si aspettano un inasprimento netto minore degli standard creditizi.

Le banche hanno registrato un forte calo della domanda da parte delle imprese di prestiti o utilizzo di linee di credito nel secondo trimestre del 2023, che è sceso al minimo storico dall'inizio dell'indagine nel 2003. Il calo netto è stato ancora una volta sostanzialmente più forte di quanto previsto dalle banche nel trimestre precedente. L'aumento dei tassi d'interesse e il minor fabbisogno di finanziamento per gli investimenti fissi sono stati i principali motori della riduzione della domanda di prestiti. Per il terzo trimestre del 2023 le banche prevedono un ulteriore calo netto della domanda di prestiti alle imprese, anche se molto più contenuto rispetto al secondo trimestre.

Secondo le banche intervistate, l'accesso al funding è peggiorato nella maggior parte dei segmenti di mercato nel secondo trimestre del 2023, in particolare per la raccolta retail. Il deterioramento netto segnalato nell'accesso ai finanziamenti al dettaglio può riflettere una maggiore concorrenza per i depositi retail nell'attuale contesto di tassi di interesse più elevati e deflussi di depositi overnight. Per i titoli di debito, il deterioramento riflette rendimenti delle obbligazioni bancarie leggermente superiori rispetto alla fine del primo trimestre, mentre l'accesso ai mercati monetari è rimasto sostanzialmente invariato.

Nella prima metà del 2023 le banche dell'area euro hanno registrato un "netto inasprimento" dei coefficienti dei crediti deteriorati (NPL) sulle loro condizioni di prestito per prestiti alle imprese e credito al consumo. I coefficienti NPL hanno avuto un impatto sostanzialmente neutro per i prestiti immobiliari. Le banche hanno fatto riferimento a una maggiore percezione del rischio e alla loro minore tolleranza al rischio come fattori principali alla base del contributo dei coefficienti NPL all'inasprimento delle condizioni di prestito. 

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest