Ultime notizie

21 Maggio 2024

Al via il cantiere del Parco scientifico-tecnologico della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, firmato Lombardini22

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

La sostenibilità, l’inclusività, il rapporto con il contesto con viste prospettiche sulla piana dell’Arno, l’abbondante presenza di verde anche all’interno degli edifici costituiscono il filo conduttore del progetto del nuovo Parco scientifico-tecnologico Scuola Superiore Sant’Anna progettato e coordinato da Lombardini22 a San Giuliano Terme, comune confinante con Pisa.

Il tutto insieme allo sviluppo della socialità, cui contribuiranno gli impianti sportivi e alcune aree all’interno di ogni struttura del complesso. Fondamentale anche la mobilità dolce: una pista ciclabile unirà San Giuliano Terme e Pisa al nuovo parco tecnologico.

Il progetto, sviluppato attraverso un partenariato pubblico-privato condotto da ICOP e altri proponenti, prevede la realizzazione di un nuovo campus per ricercatori e professori inerenti a programmi avanzati di robotica e scienze della vita, oltre a un edificio di servizi generali dedicato all’accoglienza, con aula magna, caffetteria e mensa, e un edifico per la ricerca avanzata.

Il cantiere inizierà nel primo semestre del 2024 e prevede la costruzione di sette edifici che costituiranno un polo di ricerca scientifica a 15 minuti dalla piazza dei Miracoli di Pisa e in prossimità del centro di ricerca del CNR.
La progettazione tiene conto dei dati climatici previsionali adottando misure di mitigazione a ondate di calore e possibili fenomeni estremi, come le inondazioni, tra cui minima impermeabilizzazione del suolo e l'utilizzo dei bacini di laminazione come aree a verde e sportive. Verrà inoltre creato un asse verde centrale contro le isole di calore.

La progettazione abbraccia la logica Nearly Zero Energy Buildings, ovvero edifici dalle prestazioni performanti molto elevate, che puntano a sostenibilità e risparmio energetico con apporti solari positivi nelle stagioni invernali e schermature solari che agevolano il condizionamento estivo.

Inoltre, il progetto è stato studiato insieme a TUNED, gruppo di lavoro di Lombardini22 rivolto all’applicazione delle neuroscienze in architettura, che ha curato le analisi dei rapporti visivi e percettivi del masterplan per prevedere i comportamenti che l’orientamento degli edifici e il loro rapporto con gli spazi aperti genera negli utenti e rendere l’esperienza il migliore possibile dai punti di vista dell’inclusività, della visibilità, del senso di orientamento e della facilità di movimento.

Si parla di:

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi