NEWS

I crediti immobiliari in sofferenza che piacciono agli investitori esteri

L'analisi è pubblicata su Review, rivista di Monitorimmobiliare distribuita al Mipim di Cannes

di Luigi Aiello, head of Banking & insurance business development di Prelios 24 Marzo 2015

I dati macroeconomici, le nuove politiche monetarie, la rinnovata fiducia, l’attuale condizione dei mercati dei paesi emergenti, e una generale stabilizzazione dello scenario economico-finanziario internazionale hanno favorito, già nel corso del 2014, una lenta ripresa dell’economia in tutta l’area euro.

 

In tale contesto, il mercato immobiliare, dopo circa sette anni di contrazione e di scetticismo da parte dei grandi investitori istituzionali, ha registrato, lo scorso anno, una performance in miglioramento.

 

In particolare, parlando del mercato italiano, nell’ultimo anno si è potuto apprezzare il protrarsi dell’interesse degli operatori internazionali per il prodotto immobiliare domestico.

 

Nell’ottica di rafforzamento di tale generale interesse degli operatori internazionali, il Governo italiano è intervenuto, in materia immobiliare, introducendo molteplici novità normative, calibrate sotto il segno di quattro leve fondamentali d’intervento: riqualificazione sostenibile della città (cd. renovatio urbis), attrattività dell’immobiliare italiano per gli investitori istituzionali, italiani ed esteri; modernizzazione dei servizi immobiliari; semplificazione fiscale del settore.

 

 

Si pensi, con riguardo a tali ambiti, a quanto contenuto nel decreto Sblocca-Italia, nella legge di Stabilità 2015 o nelle misure, ora all’esame del Parlamento, contenute nel cd. Investment Compact.

 

Non soltanto gli investimenti puramente immobiliari, peraltro, sono sotto la lente degli operatori stranieri.

 

Esiste, infatti, una significativa attenzione di molti investitori internazionali per i crediti in sofferenza, con particolare riguardo ai crediti secured, ovvero quelli garantiti da ipoteche immobiliari.

 

L’Italia, con circa 180 mld di euro di sofferenze creditizie, è tra le mete prescelte dai grandi protagonisti del settore, capaci di coniugare competenze immobiliari e tecniche finanziarie.

 

Guardando al futuro, se si avvereranno  le previsioni ipotizzate e la fiducia vincerà lo scetticismo, i timori di instabilità politica e gli ostacoli burocratici, il 2015 e il 2016 potrebbero veramente costituire il biennio della ripresa per il mercato immobiliare, con una crescita graduale di tutta l’industria e la ricollocazione del settore fra le principali asset class di investimento.

 

In tale contesto, il gruppo Prelios si è riconfermato come un partner privilegiato per i grandi investitori internazionali, sia per la capacità di origination di nuove operazioni sul mercato Italiano, sia per la capacità di strutturare e gestire operazioni con un discreto livello di complessità.

 

In tal senso, il gruppo ha recentemente concluso una delle più importanti operazione nel settore dei NPLs, supportando Fortress nell’acquisizione di Uccmb, la piattaforma di gestione dei crediti in sofferenza detenuta integralmente da Unicredit.

 

Inoltre, Prelios è attualmente coinvolta nella gara per la potenziale acquisizione della catena Una Hotel in partnership con il fondo statunitense Starwood Capital Group e il gruppo Melià; infine, il gruppo starebbe lavorando al lancio di una Siiq da collocare a grandi investitori internazionali, approfittando del contesto favorevole dei mercati dei capitali.

 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
00199843   2.8000 203,491,761 0.000
Aedes   0.5290 18,363,789 0.036
Brioschi   0.0602 47,417,424 0.006
Coima Res   4.5000 162,479,511 0.312
Covivio   50.4500 4,766,922,223 0.011
Dea Capital   1.0080 268,744,997 0.091
Gabetti   0.5260 31,242,087 0.022
Heidelberg Cement   48.9200 9,706,534,202 0.061
Igd   2.5100 276,958,177 0.886
Mutuionline   21.7500 870,000,000 0.088
Nova Re   2.3600 25,989,627 0.005
Restart   0.4750 15,202,871 0.000
Risanamento   0.0519 93,463,816 0.129
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
  820.0000 85,177,500 0.001
  54.4100 4,616,852 0.006
  558.0000 37,206,882 0.002
  183.5000 95,698,920 0.005
  50.0000 13,423,700 0.000
  466.5000 56,913,000 0.000
  84.8000 178,531,390 0.000
  467.0000 52,956,866 0.000
  52.8500 76,892,892 0.001
  410.0000 23,124,000 0.000
  24.8500 1,528,374 0.000
  3.5790 0 0.000
  36.1050 2,484,024 0.000
  827.0000 0 0.020
  32.2750 4,163,475 0.001
  47.2000 2,832,000 0.012
  175.0000 0 0.004
  58.6500 37,922,504 0.000
  26.0000 4,160,000 0.001
  391.1500 12,066,978 0.003
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti