NEWS

Crolla il fatturato del retail

di G.I. 1 Aprile 2020

Investimenti in calo per il comparto immobiliare commerciale, sia in Europa sia in Italia. Dopo un lungo periodo positivo il 2019 si è chiuso con un calo del 28 per cento rispetto all’anno precedente, con 42,1 miliardi di investimenti. Per il 2020, l'andamento non sembra migliorare. Anzi, anche a causa della crisi sanitaria del Coronavirus, si prevede un’ulteriore contrazione degli investimenti del trenta percento in Europa e del venticinque per cento in Italia.

 

E' quanto emerge dal Rapporto 2020 sul mercato immobiliare commerciale in Europa e in Italia, realizzato da Scenari Immobiliari, che sottolinea come una veloce ripresa potrebbe arrivare anche nella prima metà del 2021. Il fatturato del mercato immobiliare italiano, in aumento del 3,4 per cento nel 2019 a 9,2 miliardi di euro, è atteso in diminuzione di circa 27 punti percentuali a 6,7 miliardi di euro nel 2020 a causa della crisi sanitaria. 

 

L’attività di sviluppo e adeguamento immobiliare dei centri commerciali in Europa ha visto negli ultimi tre anni interventi realizzati per una superficie complessiva di oltre 4,2 milioni di mq, suddivisi tra nuovi sviluppi (1,6 mln di mq), riqualificazioni (0,925 mln di mq) e ristrutturazioni e/o ampliamenti dell’esistente (1,68 mln di mq). In progetto ci sono iniziative per oltre 5,27 milioni di mq di superficie che dovrebbe essere interessata da proposte che prevedono il completamento tra il 2020 e il 2023. La quota maggiore è quella dei nuovi sviluppi che dovrebbe apportare allo stock oltre 2,56 milioni di mq. Tra i Paesi a maggior sviluppo spicca l’Italia, con una quota complessiva nettamente superiore a quella degli altri mercati e pari a 1,46 milioni di mq, composti in prevalenza da nuove realizzazioni, per circa 790mila di mq.

 

Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari:“Questi interventi sono a rischio, visto che molti fondi e investitori istituzionali cambieranno l’asset allocation degli investimenti per i prossimi anni. Il commerciale non è più considerato anticiclico”.

 

Anche i negozi stanno soffrendo in modo particolare la crisi del coronavirus. Con una buona parte delle saracinesche abbassate, i consumi sono ridotti e molti commercianti stanno chiedendo riduzioni dei canoni per far fronte alle difficoltà attuali. Una parte di negozi probabilmente non riaprirà con l’estate.

 

Costituiscono in universo a sé le high street delle principali città italiane, molto ambite dai retailer nell’era dell’e-commerce e, particolarmente ricercate dagli investitori specializzati, perché in grado di garantire un reddito più sicuro. Delle 47 vie monitorate da Scenari Immobiliari nelle sei principali città, si colloca al primo posto per livelli di canoni raggiunti via Monte Napoleone, con 13.200 euro al mq annui, seguita da via Condotti a Roma, con 11mila euro e successivamente da Galleria Vittorio Emanuele II, nel capoluogo lombardo, con diecimila euro, infine, da Piazza di Spagna nella Capitale, con 7.500 euro al mq annui. Le high street di Firenze e Venezia si posizionano su livelli inferiori, con merceria II Aprile e campo San Bartolomeo della città veneta che raggiungo i 5.200 mq, oppure via dei Calzaiuoli nel capoluogo toscano con 4.500 euro mq annui.

 L’andamento medio di canoni di locazione delle high street, mostra come negli ultimi cinque anni ci sia stato un incremento medio costante, con velocità sostenuta a Roma e Milano, rispettivamente di oltre trentatré e ventidue punti percentuali registrati tra il 2015 e il 2019. Incrementi consistenti si sono registrati anche a Firenze, venti punti percentuali, e Torino, dodici punti percentuali. Per Bologna e Venezia l’incremento è stato più calmierato, rispettivamente del dieci e sei per cento.

 

Sul fronte delle quotazioni per il 2020 si prevede una diminuzione, sebbene moderata, con una forte propensione alla polarizzazione tra immobili di qualità collocati nelle posizioni prime e le restanti strutture di minore attrattività. Le high street continueranno a mantenere la propria appetibilità. Tuttavia i canoni di locazione potrebbero subire una leggera contrazione per quelle strade o per quei segmenti di via che attualmente presentano delle criticità o nei quali la ripresa dell’attività economica avverrà con maggiore difficoltà.

 

In Italia il calo previsto del fatturato del comparto commerciale si può ricondurre, in primo luogo, ai minori investimenti degli investitori esteri (che ormai pesano oltre il cinquanta per cento del totale) dovuti alle incertezze finanziarie e specifiche del settore. La piccola distribuzione, inoltre, già messa a dura prova dell’e-commerce e dalle trasformazioni del retail, risulterà ancora più penalizzata della crisi dell’emergenza sanitaria con una ripresa che si prospetta lunga. Meglio, invece, il comparto della Gdo, attualmente sollecitato dall’incremento dei consumi dovuto alla crisi.

 

Clara Garibello, direttore di ricerca a Scenari Immobiliari:“Con molta probabilità occorrerà attendere il 2021 per tornare ai livelli di normalità del mercato, con il comparto retail che potrebbe registrare un rimbalzo positivo, a patto che riesca a cogliere da subito i cambiamenti nelle scelte del consumatore e possa seguire un percorso sinergico con il sottostante mercato immobiliare, sia in termini di quotazioni che di innovazione”.

 

 

COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 2.82 0.8020 25,688,336 0.041
Brioschi 0.57 0.0700 55,136,539 0.007
Coima Res 0.66 6.1200 220,972,135 0.158
Covivio -1.06 48.7000 4,249,456,272 0.069
Dea Capital -0.47 1.2780 340,730,264 0.084
Envision Solar International Inc - Warra -3.63 3.4500 250,730,920 0.000
Gabetti 1.29 0.3130 18,590,823 0.047
Heidelberg Cement 1.40 42.1300 8,359,286,176 0.010
Igd 1.00 3.0350 334,887,676 0.700
Mutuionline -0.60 16.6800 667,200,000 0.108
Nova Re -0.76 2.6100 28,742,766 0.034
Restart 1.75 0.4640 14,850,583 0.000
Risanamento 5.65 0.0654 117,775,213 1.385
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
-1.08 915.0000 95,045,625 0.014
0.00 595.1000 50,496,020 0.000
0.00 650.0000 43,341,350 0.000
-1.30 213.2000 111,188,064 0.044
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
0.00 59.5000 86,568,157 0.000
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
0.00 3.6500 0 0.000
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
1.04 1,009.4000 0 0.029
-2.14 29.7350 3,835,815 0.000
0.30 47.2000 2,832,000 0.012
0.54 186.0000 0 0.003
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
0.07 120.1200 19,219,200 0.002
1.43 538.9000 16,625,065 0.003
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti