Ultime notizie

30 Novembre 2023

UBS, sorpresa: si diventa miliardario con l’eredità, non facendo l’imprenditore (Report)

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

È finita l’epoca del “mi sono fatto da solo”? A guardare i dati dell’UBS Billionaire Ambitions Report 2023 sembrerebbe di sì. Per la prima volta in nove anni, il rapporto pubblicato dal wealth manager globale registra questo dato: i miliardari hanno accumulato più ricchezza con l’eredità che attraverso l’imprenditorialità. Nell'ultimo anno, in 53 hanno ereditato un totale di 150,8 miliardi di dollari, superando il totale di 140,7 miliardi di dollari degli 84 nuovi miliardari self-made. Come dire: perché ammazzarsi di lavoro creando un impero dal nulla quando si possiedono ricchezze di famiglia?

Benjamin Cavalli, Head of Strategic Clients di UBS Global Wealth Management: "Il report di quest'anno ha rilevato che la maggior parte dei miliardari che hanno accumulato ricchezza nell'ultimo anno lo ha fatto attraverso l'eredità e non attraverso l'imprenditorialità. Questo è un tema che ci aspettiamo di vedere sempre più spesso nei prossimi 20 anni, dato che oltre 1.000 miliardari passeranno ai loro figli una cifra stimata di 5.200 miliardi di dollari".

In realtà, non tutti i Paperoni si accontentano di spendere la fortuna ricevuta sapendo che non riusciranno mai a consumarla del tutto. Gli eredi – si legge nello studio di UBS – sono consapevoli di dover riposizionare il proprio patrimonio per dar seguito all'eredità familiare. Quando arrivano nelle loro mani le aziende familiari, gli investimenti e le fondazioni dei genitori, cercano di concentrarsi maggiormente sulle principali opportunità e sfide economiche, come le tecnologie innovative, la trasformazione dell'energia pulita e l'impact investing. I miliardari di prima generazione ne sono consapevoli: il 58% sostiene che la loro sfida più grande sarà quella di tramandare agli eredi (oltre che i soldi) i valori, l'istruzione e l'esperienza necessari per avere il controllo sul futuro.

Anche i miliardari hanno qualche motivo per non dormire la notte: gli eredi – rileva UBS – sono preoccupati per le pressioni inflazionistiche (57%), per la disponibilità e per il prezzo delle materie prime (52%). Tuttavia, tutti concordano sulle opportunità e sui rischi dell'intelligenza artificiale generativa e il 65% ritiene che l'AI offra una delle maggiori opportunità commerciali per il proprio business operativo nei prossimi 12 mesi.

Per quanto riguarda gli investimenti, il 43% dei miliardari di prima generazione intende aumentare la propria allocazione al private debt nei prossimi 12 mesi e il 38% pensa di aumentare le partecipazioni in obbligazioni dei mercati sviluppati. Tra gli eredi, il 59% vuole raccogliere investimenti diretti in private equity e il 55% ha intenzione di investire maggiormente in fondi di private equity.

Più della metà dei 53 eredi intervistati pensa di allontanarsi dal business familiare, optando per carriere più adatte alle proprie ambizioni, competenze e circostanze. Aumentano anche gli eredi che diventano filantropi e guidano l'innovazione sostenibile.

La ricchezza miliardaria si è parzialmente ripresa dal calo post-pandemia, trainata dalla crescita organica delle imprese e sostenuta in parte dai miliardari europei del settore dei consumi e del retail al dettaglio, dopo essere scesa di quasi un quinto nei 12 mesi precedenti. Complessivamente, nell'ultimo anno il numero di miliardari è aumentato del 7% a livello globale, passando da 2.376 a 2.544 e la loro ricchezza è aumentata del 9%, passando da 11.000 miliardi di dollari a 12.000 miliardi di dollari.

I miliardari con aziende innovative nei settori della tecnologia e dell'healthcare hanno accumulato le maggiori ricchezze nell'ultimo decennio, ma si registrano i primi segnali di miglioramento (+15%) per i paperoni con aziende del settore industriale, che probabilmente continueranno a crescere grazie alla transizione energetica e all'aumento della spesa per la difesa in diversi Paesi.

"La prossima generazione – aggiunge Benjamin Cavalli – ha una visione nuova del business, degli investimenti e della filantropia e sta reindirizzando grandi patrimoni privati verso nuove opportunità di business derivanti dai tempi in cui viviamo. Per organizzare una successione fluida, i fondatori e le loro famiglie dovranno agire in modo diverso, scoprendo più che mai i valori e gli obiettivi comuni, per trovare una via d'uscita che soddisfi tutte le generazioni e consenta loro di continuare a costruire la propria eredità".

Scarica l’allegato.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi