Ultime notizie

27 Dicembre 2023

Le banche d’investimento svuotano gli organici: tagliati quasi 62.000 posti nel 2023

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Nell’arco de 2023 le banche d’investimento hanno eliminato 61.905 poti di lavoro a causa del crollo delle commissioni e di una riduzione dei margini di profitto. È quanto rivela un’indagine del Financial Times.

Circa la metà dei tagli è arrivata dalle grandi banche d'affari di Wall Street, che hanno licenziato circa 30.000 dipendenti durante l’anno che sta per finire, alle prese con un crollo delle commissioni e con il tentativo di mantenere inalterati i margini di profitto, mentre in anni precedenti (ad esempio nel 2015 e 2019) i tagli erano perlopiù di banche europee, colpite dagli effetti della politica dei tassi zero delle banche centrali.

Le maggiori difficoltà si trovano nelle attività di investment banking, che hanno dovuto fronteggiare un crollo delle commissioni e la concorrenza dei titoli pubblici. Un effetto della politica dei tassi crescenti praticata dalla Federal Reserve, che ha avvantaggiato il margine di interesse e depresso le commissioni, per effetto delle minori transazioni e delle quotazioni di titoli pubblici. Per far fronte a questo calo e per mantenere i margini di profitto, le banche d'investimento hanno dovuto agire sul fronte dei costi e quindi sulla riduzione del personale.

I tagli più consistenti sono stati annunciati da Wells Fargo, che questo mese ha annunciato la riduzione di ben 12.000 posti di lavoro, con 7.000 tagli già realizzati nel terzo trimestre per un costo di 186 milioni. La banca ha accantonato fino a 1 miliardo di dollari per ulteriori costi di licenziamento, suggerendo che vi sono ancora migliaia di posti da eliminare. Seguono Citigroup, che ha eliminato 5.000 posti di lavoro, Morgan Stanley con 4.800, Bank of America con 4.000, Goldman Sachs con 3.200 e JP Morgan Chase con 1.000 posti in meno.

Non si tratta, però, di un caso solo americano: anche in Europa vi sono stati licenziamenti in massa, a causa delle crisi bancarie. È il caso, ad esempio, della crisi di Credit Suisse, che è stata salvata e rilevata dalla concorrente UBS. Una transazione che ha protetto il settore bancario, a spese del personale: si contano 13.000 posti di lavoro in meno nel 2023 e si prevedono altre grandi ondate di licenziamenti per l'anno prossimo. Il numero uno di UBS, Sergio Ermotti, ha affermato che il 2024 sarà "l'anno cruciale" per l'acquisizione di Credit Suisse, alimentando l'attesa di nuove riduzioni di personale soppressi nei prossimi mesi.

Gli esperti non nutrono grande ottimismo per il futuro e ritengono che, finché non ci sarà una ripresa dell'attività di investment banking, i tagli di personale, più o meno accentuati, saranno all'ordine del giorno. Se la britannica Metro Bank ha annunciato l'intenzione di tagliare un quinto della sua forza lavoro, altre banche europee come HSBC e Commerzbank si sono astenute, dopo aver annunciato enormi riduzioni di personale negli anni precedenti.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital