Ultime notizie

15 Giugno 2017

Halldis: con affitti brevi milioni di abitazioni possono essere messe a reddito

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Con l’approvazione definitiva di oggi al Senato del ddl n° 2853 di conversione in legge del decreto-legge in materia finanziaria, nel testo identico a quello approvato alla Camera, la normativa sugli affitti brevi è legge.

Due i fondamenti del provvedimento: gli operatori e i portali devono essere sostituti d’imposta e viene confermata la cedolare secca al 21%. Ne trarranno giovamento le finanze dello Stato, gli operatori e i proprietari che mettono a disposizione i loro immobili.

Halldis ha realizzato uno studio sugli immobili che potrebbero essere messi sul mercato delle locazioni brevi in Italia.

In Italia si contano 34,4 milioni di abitazioni. Quelle principali sono 19,8 milioni, le seconde case 13, quelle già locate 2,8. Eliminando dal conteggio quelle destinate a utilizzi altri o gratuiti, le abitazione a disposizione sono oltre 6 milioni (fonte: dati Agenzia delle Entrate e Abi, elaborati da Halldis). 

Il mercato degli affitti brevi in Italia riguarda 500.000 immobili. Il Governo prevede di incassare col fisco 81,3 milioni di euro aggiuntivi quest’ anno, ma per Halldis, utilizzando come benchmark quanto dichiarato da Airbnb che indica una media di 2.000 euro di fatturato annui per appartamento, il gettito complessivo potrebbe essere di 2 miliardi.

Il ricavo lordo potenziale per ogni proprietà messa a disposizione può ammontare a 16.000 euro annui. Al netto delle imposte e dei costi di gestione, l’introito medio è di circa 8.000 euro che coprono ampiamente i costi sostenuti per il mantenimento dell’abitazione. Nei centri delle grandi città (Milano, Torino, Venezia, Bologna, Firenze, Roma) questi valori possono raddoppiare o triplicare.

Vincenzo Cella, amministratore delegato di Halldis: “Grazie alla nuova normativa, i proprietari avranno vantaggi importanti. Non dovranno più fare nulla, eviteranno le incombenze fiscali (e molti godranno di un carico minore dell’attuale perché la cedolare secca è a prescindere dall’imponibile complessivo), eviteranno morosità e avranno la casa sempre manutenuta. Potranno mettere finalmente a reddito il loro immobile ma in modo flessibile, potranno cioè utilizzare le proprie unità per periodi determinati”.

Alberto Melgrati, presidente di Halldis: “La questione fiscale è decisiva, il provvedimento permetterà al settore di svilupparsi in trasparenza e con regole certe e sarà un importante volano per il turismo e quindi per l’economia del Paese.  Allo stesso tempo il sistema guadagnerà in efficienza, ci sarà meno burocrazia e una gestione più chiara. Il nostro obiettivo è arricchire l’offerta ricettiva, portando professionalità in una realtà frammentata come quella delle case vacanza”.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital