NEWS

La Cassazione conferma l’assoluzione di Alfredo Romeo (Intervista)

di M.C. 6 Maggio 2016

La Corte di Cassazione sesta sezione ha respinto il ricorso presentato dalla Procura e dal Comune di Napoli e ha confermato la sentenza di proscioglimento pronunciata a settembre scorso nei confronti di Alfredo Romeo ed Enrico Trombetta. “Perché il fatto non sussiste”, recita la formula della sentenza che ha accolto le richieste degli avvocati della difesa.

 

L’imprenditore Alfredo Romeo e l’amministratore delegato del gruppo Enrico Trombetta era finiti sotto inchiesta con l’accusa di peculato per una somma di 26 milioni di euro. Il pm ne aveva chiesto il rinvio a giudizio ma il giudice dell’udienza preliminare li aveva prosciolti. L’accusa ruotava attorno a una presunta appropriazione di denaro del Comune da parte della Romeo Gestioni in seguito alla vendita di immobili del patrimonio comunale e nonostante la diffida a restituire avanzata dal Comune stesso. I soldi sarebbero stati le somme che la Romeo non avrebbe versato al Comune dopo che questi interruppe i versamenti delle rate dei debiti che avrebbe dovuto alla società come previsto dalla transazione firmata nell’aprile 2012 tra la società e l’amministrazione di Palazzo San Giacomo. 

 

Alfredo Romeo ha commentato a Monitorimmobiliare la vicenda: “Questa storia trae origine dalla transazione con la quale la mia azienda ha concesso al Comune di Napoli una dilazione di pagamento di crediti per 50 milioni, oltre interessi, fondati su ingiunzioni di pagamento divenute esecutive e garantite da pignoramenti su oltre cento immobili comunali, a fronte di una rateizzazione da parte del ricavato garantito da dismissioni di immobili del Patrimonio comunale. Grazie a quella dilazione di pagamento, dunque, l’Amministrazione De Magistris ha potuto anche mettere a bilancio oltre 108 milioni di euro, grazie alla dismissione di 3000 immobili del Patrimonio da noi effettuata in otto mesi”.

 

“Ottenuto questo risultato, però, l’Amministrazione De Magistris ha tentato di sottrarsi ai propri obblighi, benché il nostro credito fosse anche certificato dagli stessi dirigenti del Comune, per cui siamo stati costretti a congelare in apposito conto a garanzia i compensi dovuti, chiedendo contestualmente al Tribunale Civile di Napoli di pronunziarsi sulla vicenda. Un comportamento assolutamente trasparente a fronte del quale il Comune ha cercato di sottrarsi anche alle decisioni del giudice civile per avventurarsi temerariamente in un esposto alla Procura, in mancanza di valide ragioni giuridiche a giustificazione del proprio inadempimento. Per fortuna, non solo nostra, ma di tutto il mondo delle imprese di questo Paese, il sistema giudiziario ha retto, e la Cassazione ha confermato con formula piena la condizioni di una assoluta e oggettiva legittimità operativa, finanziaria ed etica della mia azienda, ribadendo che ‘il fatto non sussiste’”.

 

“Da cittadino sono sollevato e sereno. Da imprenditore sono preoccupato, perché questa storia evidenzia ancora una volta l’esigenza di una certezza nell’interpretazione delle norme, che ne impedisca un uso strumentale e ideologico. Trucchi e comportamenti spregiudicati del genere, adottati da un sindaco come De Magistris nella gestione della cosa pubblica, infatti, danneggiano il mondo delle imprese e le regole di un efficiente e trasparente sistema economico”.

 

“Chiedo infatti che si faccia una banale riflessione di carattere generale: quante aziende sarebbero sopravvissute a un’accusa così grave e temeraria, e al blocco di una cifra così ingente? Se il nostro Gruppo fosse stato meno solido, quanti posti di lavoro sarebbero stati messi a rischio per una manovra così infondata e al tempo stesso iniqua? Chi ci avrebbe risarcito? Non certo l’Amministrazione De Magistris”.

 

“Chiudo evidenziando che questa vicenda sottolinea per l’ennesima volta che Burocrazia e Giustizia sono temi centrali per un rinnovamento del Paese”.

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes -0.32 0.3120 99,778,596 0.000
Beni Stabili -0.45 0.7685 1,744,182,069 0.000
Brioschi -1.44 0.0686 54,033,808 0.000
Coima Res 1.03 7.8800 283,735,160 0.000
Dea Capital 2.18 1.3120 402,275,075 0.000
Gabetti Holding 0.71 0.2840 16,660,124 0.000
Hi Real -3.00 0.0291 2,114,861 0.000
Igd 0.58 6.8800 759,152,293 0.000
Italcementi 0.00 10.5800 3,695,283,794 0.000
Mutuionline 1.24 17.9000 716,000,000 0.000
Nova Re 1.04 4.9500 51,371,966 0.000
Prelios 0.00 0.1162 158,506,911 0.000
Risanamento 1.21 0.0251 45,201,190 0.000
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.74 1,497.2000 155,501 0.000
-1.01 980.0000 83,155,940 0.000
-0.95 896.4000 59,771,056 0.000
-1.81 260.2000 135,699,504 0.000
0.53 12.8680 7,720,839 0.000
0.82 49.4000 13,262,616 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.18 84.9500 178,847,189 0.000
0.28 431.8000 48,965,256 0.000
-0.35 86.4000 125,705,693 0.000
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
0.00 4.1370 0 0.000
2.69 38.0000 2,614,400 0.000
-0.07 1,140.2000 0 0.000
-1.79 550.0000 70,950,000 0.000
0.00 308.0000 18,480,000 0.000
0.36 265.5000 0 0.000
-2.07 56.8000 36,726,312 0.000
0.14 732.0000 117,120,000 0.000
-0.03 600.0000 18,510,000 0.000
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE