Ultime notizie

24 Maggio 2023

Robeco: Investimento sostenibile come processo o come cosa?

di Rachel Whittaker, Head of SI Research di Robeco

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

A più di 50 anni dalla nascita dell’investimento responsabile, una definizione unanime è ancora lontana, nonostante i grandi sforzi delle autorità di regolamentazione. Il dibattito sul concetto di investimento sostenibile è più che normale: quando nasce qualcosa di nuovo, infatti, spesso mancano sia la terminologia sia definizioni largamente accettate.

Agli albori dell'investimento responsabile e sostenibile, le associazioni di categoria e i vari Forum per l'Investimento Sociale (FIS) hanno esercitato una certa autorità, aiutando gli investitori a definire l’investimento sostenibile. Con la nascita del FIS statunitense negli anni '80, poi seguito da altre associazioni regionali di categoria, si è cercato collettivamente di riunire le idee dei principali leader di pensiero del settore, anche durante la fase di rapido sviluppo vissuta dal comparto nei primi anni 2000.
 
La categorizzazione dell’investimento sostenibile


Il primo rapporto pubblicato nel 2014 dalla Global Sustainable Investment Alliance (GSIA) - fondata nel 2012 - è uno studio senza precedenti, che descrive il panorama mondiale dell’investimento sostenibile e suddivide i vari approcci SI in sette categorie. La distinzione tra screening negativo, screening basato sulle norme, integrazione ESG, investimento tematico, community investing, azionariato attivo e approccio best-in-class/screening positivo ha contribuito a fornire un quadro comprensibile al mercato dei fondi, all’epoca in rapida ascesa.
 
È apparso evidente che i vari approcci rispondessero a valori e aspettative di rendimento diversi e che, quindi, si potessero combinare per soddisfare le esigenze dei differenti investitori. Preso in questo contesto, l’investimento sostenibile è senz’altro un processo.
 
Tutti gli approcci sono uguali?


La definizione di questi approcci, tuttavia, ha avuto un lato negativo, quello di legittimare strategie di investimento incentrate più sul potenziale di rendimento che non sulle effettive caratteristiche di sostenibilità. Approcci così variegati meritano tutti di essere considerati ugualmente “sostenibili”?
 
Dopo qualche anno, alcuni FIS regionali hanno smesso di considerare sostenibili i fondi che si limitavano a poche esclusioni di base. Ma si sono astenuti dall’imporre standard più elevati e hanno permesso agli investitori di decidere autonomamente, nonostante crescesse il bisogno di chiarire meglio il concetto di impatto concreto.
 
A questo punto le autorità europee si sono gettate nella mischia, mentre quelle di altre regioni si sono limitate ad osservare da vicino. Di conseguenza, le associazioni di categoria hanno perso parte della loro autorevolezza, pur mantenendo una certa influenza. Nonostante le buone intenzioni dei regolatori, la legge spesso non riesce a stare al passo con l’innovazione. Una cornice normativa precoce può avere complicazioni indesiderate, costringendo persino i pionieri e i leader di pensiero a districarsi tra i requisiti da rispettare e le esigenze dei clienti da soddisfare.
 
Condivisione delle best practice


Le associazioni di categoria svolgono un ruolo importante nell'aiutare i loro membri ad affrontare queste sfide, promuovendo la condivisione delle best practice e riportando alle autorità di regolamentazione la propria opinione sull'efficacia delle normative proposte, in virtù della profonda esperienza maturata a fianco sia degli investitori che degli asset manager. Inoltre, continuano ad aggiornare i propri quadri di riferimento per la misurazione degli asset sostenibili, in modo da riflettere le ultime tendenze.
 
In questi primi anni 2020, ci stiamo concentrando molto di più sulla definizione degli attributi specifici di un investimento sostenibile e sull’applicazione di una tassonomia sostenibile altamente dettagliata (in altre parole, pensiamo meno al processo e più al risultato). Oggi, quindi, l’investimento sostenibile è più spesso una cosa.
 
Un settore relativamente nuovo


Rispetto ad altri ambiti della finanza, l’investimento sostenibile è un settore ancora relativamente nuovo. È facile rimanere impantanati tra definizioni e aspettative, specialmente quando le autorità di regolamentazione impongono scadenze per la presentazione di soluzioni. Tuttavia, anche mettendocela tutta, ci vorrà parecchio tempo per arrivare a una terminologia e a definizioni accettate e comprensibili a livello mondiale.
 
Alla fine, conta davvero la velocità con cui si raggiunge l’unanimità? Lo strumento più importante per la tutela degli investitori è la trasparenza, mentre il principale obiettivo dell’investimento sostenibile è quello di sfruttare l'industria finanziaria per preservare il capitale naturale del nostro pianeta, fonte di ogni crescita economica e prosperità. Anche se forse non siamo tutti d'accordo su come arrivarci, abbiamo un obiettivo comune.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi