Ultime notizie

31 Ottobre 2023

La sfida del risparmio per le nuove generazioni secondo Acri (Report)

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Scelte consapevoli, educazione, responsabilità. Si accentra su questi tre concetti la sfida del risparmio per le nuove generazioni secondo l’Acri, l’Associazione che rappresenta le Fondazioni di origine bancaria e le Casse di Risparmio e che ha organizzato a Roma un evento per celebrare la 99° Giornata mondiale del Risparmio. L’appuntamento è stato l’ultimo in qualità di Governatore della Banca d’Italia per Ignazio Visco, giunto al termine del suo secondo mandato.

Nell’occasione, è stata presentata un’indagine, realizzata tra il 22 settembre e il 7 ottobre in collaborazione con Ipsos, su come gli italiani gestiscono e vivono il risparmio, alla luce del contesto socio-economico del Paese e della loro situazione personale: tenore di vita, atteggiamento e propensione al risparmio e agli investimenti, comportamenti di consumo.

Nel 2023, secondo la ricerca, si osserva un ritorno a un cauto ottimismo, dopo le forti perplessità dello scorso anno nate dal conflitto in Ucraina, con una situazione percepita come meno difficile, e che permette di vivere con maggiore serenità. A spiegare questa inversione di tendenza – spiega l’Acri –, una certa “normalizzazione/assuefazione” all’elevato livello dei prezzi, la speranza di una discesa a breve dell’inflazione, combinata alla percezione di essere in grado di fronteggiare le difficoltà.

Lo studio evidenzia un modesto miglioramento del tenore di vita delle famiglie, che torna ai livelli pre-pandemia: scende, infatti, il numero delle famiglie rispetto al 2022 e diminuisce anche l’insoddisfazione (dal 17% al 14%). Solo per quanto riguarda la situazione italiana in generale non si osserva questo minore pessimismo: i dati rimangono in linea col 2022.

La percezione dell’aumento dei prezzi a causa dell’inflazione mantiene elevato il livello di preoccupazione della popolazione circa l’impatto sul proprio bilancio familiare; circa un terzo degli italiani si dichiara molto preoccupati. Ma nel frattempo ha adottato strategie di contenimento che sembrano risultare efficaci, dalla ricerca di offerte, all’apertura a nuovi prodotti e all’acquisto online.

A livello finanziario, si nota una crescita della propensione verso strumenti più sicuri, a scapito dell’immobilismo e della liquidità, certamente legata sia all’inflazione, sia ai maggiori rendimenti che offrono molti intermediari e i titoli di stato. Questo in un quadro, comunque, di incertezza verso regole e controlli, che penalizza gli strumenti più a rischio.

I più giovani lamentano una bassa competenza finanziaria, una limitata autonomia gestionale e sono molto interessati ad approfondire i temi. La sfida – incalza l’Acri – è quindi culturale e educativa, perché ambiscono a una autonomia che raggiungono solo tardi e a fatica.

In questo scenario incerto, si indebolisce la fiducia nell’Unione Europea e nell’euro, a causa della politica dei tassi di interessi della Bce per contrastare l’inflazione: ha messo in difficoltà molte famiglie e imprese che si sono trovate a pagare interessi più alti su mutui, prestiti, e finanziamenti.

 

Scarica l’allegato.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest