Ultime notizie

29 Novembre 2023

Ardian e il fondo saudita Pif comprano il 25% dello scalo di Heathrow

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Il fondo francese Ardian e quello sovrano saudita Pif hanno acquistato il 25% di Heathrow Airport Holdings, società a cui fa capo lo scalo londinese. L’operazione ha avuto un costo di 2,4 miliardi di sterline (circa 2,8 miliardi di euro).

Francesi e arabi hanno acquistato la loro partecipazione da Ferrovial, che cede la sua quota dopo 17 anni.

Nel dettaglio, l’operazione prevede che i fondi infrastrutturali acquisiscano da Ferrovial una partecipazione del 15% in Fgp TopCo, la holding company di Heathrow Airport Holdings. Ardian e Pif useranno veicoli separati. I fondi infrastrutturali gestiti da Ardian e in advisory acquisiranno il 15%, mentre il fondo di investimento saudita acquisirà contemporaneamente il 10% di TopCo da Ferrovial.

Per Ardian non si tratta di un acquisto in un settore sconosciuto: come precisa in una nota, il fondo francese aveva già investito nell'aeroporto londinese di Luton e acquistato delle quote significative in sei scali italiani.

Questo accordo – scrive il Financial Times – chiude l’ultimo capitolo di una serie che Heathrow aveva avviato nel 2006, quando Ferrovial portò a termine un’offerta ostile per BAA, l’operatore dello scalo britannico. I dirigenti di Ferrovial – si legge ancora sul FT – si erano detti delusi dalla piega che aveva preso la gestione normativa dell’aeroporto, soprattutto perché si erano visti nelle condizioni di dover tagliare le tariffe applicate alle compagnie che atterrano a Londra.

Ferrovial aveva ridotto ne 2013 dall’iniziale 56% all’attuale 25% a sua partecipazione nello scalo. Tra gli azionisti nella holding ci sono la Qatar Investment Authority, che detiene una quota del 20%, e il fondo sovrano GIC di Singapore e l'Australian Retirement Trust, che possiedono ciascuno l'11,2%.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Immobili all’asta: le procedure aumentano per la pr