NEWS

E&V: Retail, un negozio su 3 non ha riaperto, forse non riaprirà più

di Red 6 Luglio 2020

Un punto vendita su tre non ha ancora riaperto a seguito del lockdown, ma il dato più preoccupante è che la metà di questi di questi dichiara che ha cessato definitivamente l’attività. Questo è quanto emerge da una ricerca condotta da Engel & Völkers su un campione di 6.600 esercenti su base nazionale, nel periodo 16-18 giugno 2020.

 

Alla domanda “A seguito della fine del lockdown avete riaperto la vostra attività?” il 14% degli intervistati dichiara di aver chiuso definitivamente, mentre un altro 14% afferma di non aver ancora riaperto “perché è troppo costoso tenere riaperta l’attività con le attuali nuove regole”. Il 49% afferma invece di “aver riaperto ma con personale ridotto” e infine il 29% conferma di essere “regolarmente operativo”.

 

Anche le previsioni sull’andamento commerciale sono significativamente pessimistiche, laddove il 29% degli intervistati si aspetta un calo del fatturato superiore al 40% e il 43% dei retailer invece si attende un fatturato negativo tra il 20% e il 40%. Nota di speranza invece per il 14% dei rispondenti, che osserva un trend positivo della propria attività.

 

Timori per il futuro, ecommerce e pochi soldi. Tre retailers su 4 cercheranno spazi più piccoli.

 

“Una delle grandi conseguenze che l’emergenza sanitaria e la successiva emanazione di norme volte alla tutela della salute pubblica ha portato con sé riguarda proprio la fisicità delle attività commerciali – commenta Gianluca Sinisi di Engel & Völkers Commercial Milano e Lombardia. Il 72% degli operatori che ha risposto alla nostra indagine ritiene che per futuri piani di espansione cercherà location con una superficie minore, risposta forse figlia di minore disponibilità economiche e di una maggiore integrazione con l’ecommerce”. Il 16% ammette infatti che il punto fisico non potrà più camminare solo su proprie gambe ma dovrà necessariamente essere supportato dall’online. Solo il restante 12% degli intervistati asserisce che invece il punto vendita rimarrà lo stesso.

 

Il 44% ha chiesto una riduzione dei canoni

 

In effetti, nelle risposte degli operatori al dettaglio i costi relativi al punto vendita sono un elemento di criticità in termini si sostenibilità futura dell’esercizio: il 44% degli intervistati (ma un altro 44% ci sta pensando o deve ancora decidere) ha chiesto una riduzione o uno slittamento del canone di locazione, il 29% però dichiara di non averlo ottenuto.

 

I dati dell’indagine condotta Engel & Völkers ravvisano uno scenario di significativo cambiamento sul mercato del Real Estate con destinazione retail.

“I primi segnali indicano che questa crisi connessa alla pandemia porterà a un cambiamento permanente nel mercato della locazione immobili retail – commenta Valeria Spagnoletti Zeuli, partner di Rödl & Partner. Convinzione suffragata dal fatto che l’unanimità degli intervistati si espressa in tal senso. Una maggiore attenzione verrà senz’altro posta a clausole che fino ad oggi venivano considerate standard. Nello specifico il 43% ha espresso la “necessità di un canone più sostenibile”, il 32% domanda invece “maggiore flessibilità nella durata contrattuale” oppure, il 25% dei rispondenti, auspica una “maggiore libertà di uscita dal contratto”. Ma non solo.  

 

A fronte di consistenti cali di fatturato e della mancanza di liquidità necessaria per far fronte alle spese, fra cui il canone di locazione i conduttori mostrano di essere alla ricerca di un accordo con i locatari che preveda nuove soluzioni, anche con nuove formule quali ad esempio, ove possibile, la compartecipazione agli utili nella quantificazione del canone, soluzione che nelle risposte all’indagine è essere gradita a circa il 70% degli intervistati.

 

Nello specifico, il 29% degli intervistati si mostra interessato a una forma di compartecipazione nella quantificazione del canone con la parte preponderante in percentuale sul fatturato, mentre il 43% preferirebbe la parte preponderante del canone fissa ed una quota residuale in percentuale sul fatturato. Il 28% dei rispondenti afferma di non essere interessata a soluzioni di questo tipo.

COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
00199843 -6.67 2.8000 203,491,761 0.000
Aedes -0.24 0.8240 28,604,465 0.022
Brioschi -2.56 0.0684 53,876,275 0.004
Coima Res -0.31 6.4400 232,526,234 0.098
Covivio 3.20 64.5000 6,094,479,354 0.120
Dea Capital 0.50 1.1960 318,868,072 0.108
Gabetti 0.63 0.3220 19,125,384 0.027
Heidelberg Cement -0.91 52.4000 10,397,023,552 0.012
Igd -0.62 3.1900 351,990,671 0.341
Mutuionline 0.00 22.0000 880,000,000 0.057
Nova Re -3.41 2.5500 28,082,013 0.031
Restart -0.19 0.5150 16,483,113 0.025
Risanamento 6.49 0.0640 115,254,031 2.171
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.01 900.1000 93,497,888 0.005
-3.14 45.0600 3,823,476 0.193
-0.10 614.4000 40,967,578 0.084
1.36 228.0500 118,932,636 0.117
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
-1.13 60.2000 87,586,605 0.020
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
-0.69 3.6900 0 0.004
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
-0.50 994.0000 0 0.024
0.00 33.6800 4,344,720 0.000
0.30 47.2000 2,832,000 0.012
-0.86 195.0000 0 0.023
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
-2.62 26.2500 4,200,000 0.026
-3.28 510.0000 15,733,500 0.008
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti