NEWS

Provvedimento stadi, è polemica sulle cubature-premio

di Ilaria Mariotti 10 Dicembre 2013

 

Sulla questione dell'impiantistica sportiva, il dibattito in Parlamento si preannuncia infuocato.

 

Per ora ci si sta solo ragionando.

 

Manca ancora un testo definitivo” ha spiegato Graziano Delrio, ministro con delega allo Sport, “tra oggi e domani il governo metterà a punto il testo", ammettendo però che la riuscita finale è dubbia.

 

A creare un tappo all'iter parlamentare ci sono le polemiche - montate all'indomani dell'inclusione della materia nella legge di Stabilità -  sul possibile rischio speculazione (mentre nel frattempo per gli stadi sono stati stanziati 45 milioni su tre anni per la messa in sicurezza e l'ammodernamento).

 

Uno dei nodi principali riguarda l'interpretazione della bozza sulle cosiddette cubature-premio: ovvero ciò che il costruttore riesce a estorcere al Comune i termini di “premio urbanistico” una volta presentata la proposta.

 

In pratica se il piano riceve un parere favorevole, allora sarà possibile anche costruire strutture extra, lontano dagli stadi e di tutt'altra natura.

 

Ma è proprio su questo aspetto che mancano i voti necessari.

 

A mettersi di traverso è stata in primis Legambiente, che lancia l'allarme: "Altro che stadi.

 

L'emendamento è il via libera alla speculazione edilizia.

 

E se verrà approvato, saranno possibili nuovi edifici ovunque, dalla Terra dei Fuochi all'alveo del Tevere", scrive l'organizzazione ambientalista che parla di emendamento "pericoloso".

 

La proposta di modifica al testo approvato al Senato, rileva Legambiente, "prevede la possibilità di realizzare gli impianti e ogni tipo di intervento edilizio superando, attraverso il passaggio alla presidenza del Consiglio (una delle novità del provvedimento, ndr), qualsiasi parere contrario di chi è preposto alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico, della salute e della pubblica incolumità'".

 

Non da ultimo poi il rischio espropri, qualora il Comune dichiarasse la proposta di “pubblico interesse”, togliendo magari spazi a scuole, ospedali, infrastrutture.

 

Ipotesi remota?

 

Per ora il governo si difende.

 

Come ha spiegato Delrio, si "dovrà mettere in condizione i privati di avere gli strumenti fruibili, rapidi e facilmente praticabili.

 

Siamo andati avanti al Senato per velocizzare l'iter perché sappiamo che i Comuni non hanno mezzi - ha detto ancora il ministro - si è cercato di lavorare ad una legge che possa accelerare gli interventi per rendere gli stadi più accoglienti e fruibili, come avviene in altri Paesi europei".

 

Gli fa eco il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, secondo cui l'obiettivo "è incentivare la realizzazione di stadi sempre più accoglienti per favorire la partecipazione degli sportivi".

 

"Lo Stato non ha però i soldi per farlo - si giustifica Alfano - e quindi bisogna mobilitare il privato, con chi vuole fare giusta impresa".

 

Tra le alternative al vaglio c'è anche la cosiddetta versione ultralight, che prevede l'utilizzo del credito sportivo – a tassi super agevolati - come possibile risorsa per le società sportive, che così potrebbero restaurare ed edificare ex novo aree già esistenti a costi contenuti.

 

E ancora le semplificazioni a livello di concessioni, da applicare alla ristrutturazione di vecchi stadi e nuovi stadi ma utilizzabile solo per terreni già organizzati o da riqualificare.

 

Escludendo quindi terreni vergini e così – probabilmente – mettere a tacere le proteste.

 

 

 

 

MAPPA
STESSA CATEGORIA
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 3.24 1.4350 45,963,544 0.082
Brioschi 1.16 0.0696 54,821,473 0.000
Coima Res 1.57 7.7600 279,414,320 0.114
Covivio 0.93 92.2000 8,034,461,144 0.062
Dea Capital 0.00 1.2760 391,237,040 0.067
Gabetti Holding 2.82 0.2920 17,254,548 0.017
Heidelberg Cement 0.00 70.9200 14,071,696,549 0.000
Igd -1.35 5.8600 646,603,552 0.726
Mutuionline -0.64 15.6000 624,000,000 0.360
Nova Re 0.00 4.0100 44,160,342 0.000
Restart 14.67 0.4455 14,247,353 0.267
Risanamento 0.69 0.0292 52,584,652 0.439
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
-0.43 1,155.0000 119,976 0.021
-1.20 1,200.0000 101,824 0.071
-0.62 1,000.4000 66,679 0.075
0.18 277.0000 144,461,040 0.143
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
0.03 119.9800 174,562,141 0.159
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
0.00 3.9425 0 0.000
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
-0.75 1,106.2000 0 0.054
-0.02 310.5000 40,054,500 0.005
1.03 284.9000 17,094,000 0.003
0.00 259.0000 0 0.000
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
-0.32 717.7000 114,832,000 0.009
2.59 515.0000 15,887,750 0.029
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE