NEWS

Ponte Genova, Toninelli: pronto decreto, ricostruzione a Fincantieri (Video)

di G.I. 11 Settembre 2018

Arriverà in cdm venerdì il "decretone" per Genova. Lo ha annunciato il ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli in audizione alla commissione Ambiente della Camera, precisando che si tratta di un decreto "molto importante" che conterrà "un aiuto alle famiglie in tema di mutui e un aiuto alle imprese con agevolazioni fiscali. L'obiettivo è far ripartire "una delle città più importanti del nostro paese", ha aggiunto il ministro ribadendo che Autostrade per l'Italia, controllata di Atlantia, non avrà un ruolo nella ricostruzione del ponte sulla A10. 

 

"Nei prossimi giorni - ha spiegato Toninelli - il Governo approverà un decreto legge in cui ci saranno importantissime misure per Genova e per i genovesi. La ricostruzione del Ponte sarà il primo obiettivo. Partiremo dalle regole attuali del Codice, e sulla base dell'eccezionalità potremo affidare direttamente a una società pubblica, pensiamo a Fincantieri, l'appalto per la ricostruzione del Ponte. Il crollo del Ponte Morandi non è dovuto a tragica casualità, ma ad una mancata manutenzione che spettava ad Autostrade per l'Italia".

 

Nel decreto non ci sarà solo la parte su Genova, ma anche interventi sulla manutenzione e una parte relativa ai sensori, ha spiegato il ministro che non ha fatto cenno all'ipotesi di inserire nel decreto legge una norma per l'immediata revoca della concessione ad Autostade per l'Italia, per legge, ipotesi che era stata avanzata nei giorni scorsi dal Ministero delle Infrastrutture nelle riunioni tecniche di preparazione al decreto legge. L'ipotesi - ritenuta di difficile attuazione da Palazzo Chigi - era quella di sopprimere la Direzione vigilanza autostrade del Ministero, trasferendo le competenze all'Autorità di vigilanza Trasporti. L'affidamento diretto dei lavori a Fincantieri, spiegato dal Ministro Toninelli, potrebbe invece essere fatto, pur con norme speciali nel decreto legge, senza revocare immediatamente la concessione, e mandando invece avanti la procedura di revoca secondo le modalità (lunghe) previste dalla convenzione con Aspi, che passano per un accertamento tecnico delle responsabilità del "grave inadempimento".

 

Per quanto riguarda le concessioni autostradali, inoltre, "ci sarà l'obbligo per i concessionari di reinvestire sull'ammodernamento delle infrastrutture buona parte degli utili". 

 

Dunque, revisione integrale delle concessioni autostradali, per aumentare gli obblighi di manutenzione e fare in modo che buona parte degli utili siano reivestiti in investimenti, piuttosto che distribuiti agli azionisti come dividendi.

 

Nello specifico il Ministro Toninelli ha sottolineato:"Questo Governo farà di tutto per rivedere integralmente il sistema delle concessioni e degli obblighi convenzionali. D'ora in avanti tutti i concessionari saranno vincolati a reinvestire buona parte degli utili nell'ammodernamento delle infrastrutture che hanno ricevuto in concessione, dovranno rispettare in modo più stringente gli obblighi di manutenzione a loro carico e, più in generale, dovranno comprendere che l'infrastruttura non è una rendita finanziaria, ma un bene pubblico che il Paese e, quindi, i cittadini sono disposti ad affidare alle loro cure solo a patto che il lucro in concreto ricavato sia ampiamente compensato dalla garanzia assoluta di sicurezza stradale e di tutela delle vite di chi si mette in viaggio".

 

Il Governo sta lavorando, inoltre, a una norma di legge per sbloccare immediatamente i 192 milioni di euro già nel bilancio statale per la messa in sicurezza sismica (opere più urgenti) dell'autostrada A24/A25 Roma-L'Aquila-Teramo. "Potrebbe esserci qualcosa nel decretone per Genova, previsto per venerdì prossimo. La disposizione normativa che stiamo studiando è finalizzata a consentire la prosecuzione degli interventi di adeguamento delle tratte autostradali A24 e A25 divenuti urgenti ed improcrastinabili a seguito degli eventi sismici verificatesi nel 2009 e proseguiti, con differente intensità, sino all'anno corrente, che renda utilizzabili anticipatamente le annualità, sino all'importo residuo di 192 milioni di euro, stanziate dalla legge n. 123/2017", ha concluso il ministro. 

 

Guarda il video dell'audizione del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli dinanzi alla commissione Ambiente della Camera

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes -1.95 1.4482 46,386,344 0.125
Brioschi -4.19 0.0640 50,410,550 0.112
Coima Res -0.26 7.6600 275,813,620 0.406
Covivio -0.06 87.1000 7,220,842,416 0.046
Dea Capital 2.83 1.3080 401,048,627 0.137
Gabetti Holding 0.00 0.3200 18,909,094 0.001
Heidelberg Cement 1.09 64.7600 12,849,451,051 0.006
Igd -0.10 6.1300 676,395,865 1.056
Mutuionline 0.50 16.0600 642,400,000 0.322
Nova Re -0.01 3.9990 41,502,322 0.002
Restart 0.92 0.6493 20,764,837 0.165
Risanamento 0.00 0.0200 36,016,885 0.117
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.34 1,470.0000 152,696 0.151
0.00 997.0000 84,598,441 0.000
0.12 831.0000 55,410,249 0.014
-2.07 234.0000 122,035,680 0.018
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
1.09 92.7900 135,002,676 0.068
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
0.00 3.6195 0 0.000
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
0.00 980.0000 0 0.031
-0.49 212.3500 27,393,150 0.009
0.00 231.1000 13,866,000 0.000
0.60 250.0000 0 0.054
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
0.84 706.9000 113,104,000 0.056
2.19 523.2000 16,140,720 0.005
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE