NEWS

Non esistono più beni rifugio e la crisi sarà ancora lunga

10 Aprile 2012


Lo dice il Fmi, il Fondo monetario internazionale e non c’è da stare allegri.

La recessione è più profonda e prolungata del previsto.

Sarebbe il risultato dell'alto indebitamento registrato dalle famiglie di molti Paesi nei cinque anni precedenti la grande recessione, iniziata tra il 2007 e il 2008.

Con effetti che, in assenza d'interventi mirati, possono protrarsi per altri cinque anni dall'inizio della frenata, quindi fino al 2012-13.

Gli analisti del Fmi sottolineano come l'amplificazione della crisi legata ai bilanci familiari possa essere contrastata dall'intervento dei Governi, sia in termini di sostegno ai disoccupati, sia di politica monetaria più espansiva, anche se lo stimolo macroeconomico ha dei limiti. 



L’emergenza mutui



Secondo il Fmi le famiglie in molte economie stanno lottando con il peso del debito accumulato prima della Grande recessione.

Durante i cinque anni precedenti il 2007, il rapporto tra debito e reddito delle famiglie è cresciuto a massimi storici sia nei Paesi avanzati che in alcune economie emergenti.

E il contestuale boom nei prezzi delle attività - per esempio in Islanda, Irlanda, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti - ha significato che il debito delle famiglie rispetto alle attività si era mantenuto ampiamente stabile, mascherando la crescente esposizione a una caduta dei prezzi delle attività.

Ma quando i prezzi immobiliari calarono, molte famiglie riscontrarono maggiori difficoltà a rispettare le scadenze dei pagamenti del mutuo.

E i fallimenti delle famiglie, la confisca degli immobili e le aste fallimentari sono diventate endemiche in un certo numero di economie.

La crisi finanziaria mondiale e le preoccupazioni circa la sostenibilitá del debito sovrano in molte economie avanzate hanno dimostrato che non esistono più beni che possono essere considerati davvero al sicuro, aggiunge il Fondo Monetario.

I rischi connessi a un aumento dell'aspettativa di vita sono molto alti - prosegue il Fmi.

Se entro il 2050 la vita media dovesse aumentare di tre anni più delle stime attuali, aumenterebbero del 50% i giá elevati costi per il sistema sociale.
MAPPA
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes   1.4800 47,404,909 0.008
Brioschi   0.0684 53,876,275 0.003
Coima Res   7.7600 279,414,320 0.006
Covivio   90.0000 7,842,749,490 0.099
Dea Capital   1.2660 388,170,919 0.016
Gabetti Holding   0.3000 17,727,276 0.006
Heidelberg Cement   70.5200 13,992,329,958 0.001
Igd   5.8000 639,983,037 0.293
Mutuionline   16.0600 642,400,000 0.086
Nova Re   4.0700 44,821,095 0.003
Restart   0.4795 15,334,693 0.101
Risanamento   0.0308 55,466,002 0.113
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
  1,151.0000 119,560 0.051
  1,195.0000 101,399 0.011
  1,005.0000 67,012 0.005
  270.1000 140,862,552 0.033
  50.0000 13,423,700 0.000
  466.5000 56,913,000 0.000
  84.8000 178,531,390 0.000
  467.0000 52,956,866 0.000
  118.8600 172,932,623 0.016
  410.0000 23,124,000 0.000
  24.8500 1,528,374 0.000
  3.9425 0 0.000
  36.1050 2,484,024 0.000
  1,107.0000 0 0.003
  310.0000 39,990,000 0.013
  284.9000 17,094,000 0.000
  250.1000 0 0.005
  58.6500 37,922,504 0.000
  720.0000 115,200,000 0.012
  503.0000 15,517,550 0.018
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE