NEWS

I crediti incagliati frenano la ripresa dei mutui casa

I primi segnali positivi del piano della Bce

di Cristina Giua 17 Aprile 2015

La buona notizia è che la morsa sul credito in area Euro si sta un po' per volta allentando.

 

Gran parte del merito se lo prende il piano di Qe (Quantitative easing) attivato dalla Bce, che sta dando i primi segnali positivi, anche dal punto di vista di un miglior approccio psicologico al mercato dei capitali.

 

Questo, nel calderone del credito alle imprese e alle famiglie, dovrebbe voler dire anche mutui un po' più semplici da ottenere per chi in Italia deve comprare casa ricorrendo ad un prestito in banca.

 

Non proprio vero, come segnala uno studio Confcommercio, che analizza gli ultimi dati elaborati da Banca d'Italia e Abi.

 

Risultato: sul fronte stock dell'erogato a famiglie e imprese, sia dai dati di febbraio che dalle stime di marzo, appaiono ancora segnali di riduzione.

 

Rispetto al massimo storico di giugno 2011 mancano all'appello oltre 100 miliardi di euro di prestiti (1.409 miliardi a marzo 2015 contro i 1.513,6 miliardi di giugno 2011).

 

Considerando, inoltre, l'effetto dell'aumento dei prezzi al consumo, il potere d'acquisto del complesso dei prestiti a famiglie e imprese risulta oggi ancora inferiore ai livelli di fine 2007.

 

In termini congiunturali a febbraio le somme prestate sono rimaste al palo sia per le imprese sia per le famiglie, compresi i mutui per la casa.

 

Per marzo la stima dell'Abi indica una moderata ripresa, rispetto a febbraio: questa, se confermata, è l'indicazione più favorevole per leggere una trasmissione degli impulsi monetari all'economia reale. 

 

Resta invece centrale e irrisolto il vero grande scoglio, ovvero il problema della massa di crediti in sofferenza o Npl (Non performing loan) nei bilanci delle banche che sta limitando il funzionamento dell'erogazione del credito al tutta l'economia.

 

Come risolverlo? Il Governo Renzi - appoggiato anche da Bankitalia - sta pensando ad una soluzione bad bank,  come quelle già adottate e sperimentate in altri Paesi europei per il credit crunch post 2007.

 

"Il miglioramento delle condizioni economiche reali e finanziarie non rende meno necessaria e urgente la costituzione di un veicolo speciale di gestione dei crediti in sofferenza – suggerisce il report - proprio al fine di irrobustire i segnali di ripresa che si stanno manifestando".

 

Quella dunque una delle poche vie praticabili, anche se resta tutta da risolvere la questione di chi sosterrà le spese di una bad bank: solo le banche o anche le tasche dei contribuenti italiani

MAPPA
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes -0.84 1.1800 37,795,806 0.009
Brioschi 1.03 0.0784 61,752,924 0.093
Coima Res 0.00 8.1400 293,907,382 0.029
Covivio -0.32 93.7500 8,169,530,719 0.050
Dea Capital 0.16 1.2720 339,130,591 0.058
Gabetti -0.68 0.2940 17,372,730 0.004
Heidelberg Cement -1.37 60.3200 11,968,481,893 0.005
Igd -1.50 5.2400 578,191,572 1.334
Mutuionline -1.05 15.0400 601,600,000 0.140
Nova Re 0.49 4.0900 45,041,346 0.000
Restart -0.21 0.4725 15,110,829 0.007
Risanamento -0.61 0.0326 58,707,522 0.030
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.00 1,160.0000 120,495 0.000
-0.80 1,184.4000 100,466 0.018
2.04 943.9000 62,938,308 0.205
0.30 330.0000 172,101,600 0.071
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
0.72 131.2000 190,886,422 0.341
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
0.00 4.0385 0 0.000
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
-0.79 1,126.8000 0 0.133
1.09 227.0000 29,283,000 0.025
0.00 127.0400 7,622,400 0.000
-0.38 260.0000 0 0.044
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
-0.05 208.9000 33,424,000 0.025
2.17 582.6000 17,973,210 0.001
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE