NEWS

Bankitalia lancia l'allarme: stiamo tornando in recessione (Report)

di G.I. 18 Gennaio 2019

"In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto". Lo si legge nel bollettino economico della Banca d'Italia. Se si verificasse, una simile possibilità equivarrebbe a una recessione tecnica, definita da due trimestri consecutivi in cui il prodotto interno lordo (pil) arretra.
 

"La proiezione centrale della crescita del pil è pari allo 0,6% quest'anno, 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza", si legge ancora nel bollettino economico della Banca d'Italia. "Le proiezioni centrali della crescita nel 2020 e nel 2021 - prosegue il documento - sono dello 0,9 e dell'1%, rispettivamente», ma «i rischi per la crescita sono al ribasso".
 

"Nel terzo trimestre i consumi delle famiglie, in graduale rallentamento dall'inizio dell'anno, sono scesi dello 0,1 per cento rispetto al periodo precedente", rileva ancora l'istituto centrale, aggiungendo che "gli indicatori congiunturali più recenti suggeriscono che negli ultimi tre mesi dell'anno l'andamento dei consumi si sarebbe confermato debole, in linea con le più recenti dinamiche del mercato del lavoro".

 

Bankitalia ribadisce inoltre che gli investimenti sono diminuiti dell'1,1% nel terzo trimestre e si aspetta un rallentamento dei piani d'investimento delle imprese anche per il complesso del 2019.
 

"I premi per il rischio sui titoli sovrani sono scesi, per effetto dell'accordo tra il Governo italiano e la Commissione europea sui programmi di bilancio", prosegue Bankitalia: "Il differenziale tra i rendimenti dei titoli di Stato italiani e di quelli tedeschi a metà gennaio era di circa 260 punti base, 65 in meno rispetto ai massimi di novembre", si legge nel bollettino statistico. Tuttavia il documento osserva che "le condizioni complessive dei mercati finanziari restano tuttavia più tese di quelle osservate prima dell'estate".
 

Il costo del credito delle banche "resta contenuto" ma la persistenza dell'alto spread potrebbe far alzare i tassi sui prestiti. È quanto afferma ancora la Banca d'Italia che registra "segnali di irrigidimento dalle imprese" sull'offerta di credito. Fino ad ora l'effetto è rallentato dalle «buone condizioni di patrimonializzazione delle banche e l'elevata stabilità delle loro fonti di finanziamento". "In prospettiva, però, il persistere dell'elevato livello dei rendimenti sovrani e il costo della raccolta bancaria continuerebbe a spingere al rialzo il costo del credito".

 

Scarica il report
 

 

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 2.61 1.7700 56,693,709 0.198
Brioschi 0.76 0.0800 63,013,188 0.007
Coima Res -0.78 7.6600 275,813,620 0.813
Covivio -0.21 93.5000 7,783,028,077 0.338
Dea Capital 0.40 1.5100 462,984,271 0.464
Gabetti Holding 0.31 0.3210 18,968,185 0.006
Heidelberg Cement 0.58 73.0600 14,496,307,810 0.022
Igd 0.00 6.7100 740,394,169 0.693
Mutuionline -0.34 17.5400 701,600,000 0.216
Nova Re 2.96 4.1800 43,380,772 0.000
Restart -2.21 0.4860 15,542,567 0.043
Risanamento 0.80 0.0252 45,381,275 0.042
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.37 1,578.8000 163,915 0.069
1.19 1,156.8000 98,090 0.033
0.28 932.6000 62,184,835 0.036
-0.02 239.8500 125,086,572 0.042
0.00 50.0000 13,423,700 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.00 84.8000 178,531,390 0.000
0.00 467.0000 52,956,866 0.000
-0.38 105.6000 153,640,291 0.037
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
1.32 3.6475 0 0.011
0.00 36.1050 2,484,024 0.000
0.02 1,026.8000 0 0.064
-1.98 291.5000 37,603,500 0.004
0.00 251.3500 15,081,000 0.000
0.00 284.0000 0 0.000
0.00 58.6500 37,922,504 0.000
0.24 753.2000 120,512,000 0.044
-1.16 512.0000 15,795,200 0.002
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE