NEWS

Al Forum di Cernobbio Assoedilizia urla: Meno tasse sull’immobiliare

di Maurizio Cannone 8 Settembre 2018

Nel corso del Forum Ambrosetti in svolgimento a Cernobbio il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici, in rappresentanza del settore, chiede al governo una riduzione del carico fiscale per l’immobiliare. Un tema sempre attuale, purtroppo.

Eppure serve una soluzione, visto che colpisce la piccola proprietà come la grande, fino ai fondi immobiliari. Secondo l’università di Parma, nel 2017 il peso di Imu e tasi per i fondi immobiliari è raddoppiato, pesando per il 39,34% sulla perdita complessiva. Nel 2016 la perdita era da imputare alle due tasse per il 16,3%.

E’ uno dei motivi per i quali il 61,3% dei fondi immobiliari (secondo la rilevazione) chiude il bilancio in perdita.

 

Il testo dell’intervento di Achille Colombo Clerici:

 

L' imposizione tributaria comunale IMU, tassazione di natura patrimoniale, che

quindi prescinde sia dall'utilizzo (con la sola esclusione di quelli costituenti l'abitazione "principale" del contribuente, purché non classificati nelle categorie A/1, A/8 e A/9),

sia dalla redditività degli immobili, è basata sulla consistenza catastale. Sicché il riferimento a tale parametro (per i fabbricati, ad esempio, rendita

rivalutata del 5% con i relativi coefficienti), che dà luogo alla base imponibile IMU e TASI, pur gravando da tempo (dal 1993, primo anno di applicazione dell'ICI)

indiscriminatamente e oggettivamente su tutti gli immobili, ha generato una esplosione del prelievo a partire dal primo anno di applicazione dell'IMU (2012) a causa del

consistente aumento dei coefficienti di rivalutazione delle rendite, e di conseguenza ha fortemente contribuito a innescare l'attuale crisi del mercato immobiliare.

 

In particolare sofferenza giacciono i settori delle locazioni abitative e di quelle commerciali, con parti locatrici, sia persone fisiche, sia società ed enti, e gli edifici storico/monumentali. Ad esempio, per i fabbricati di interesse storico o artistico, di cui all'articolo 10 del Dlgs n. 42/2004, n. 42 (fabbricati con vincolo diretto), la legge IMU ha riconosciuto il beneficio di ridurre la base imponibile del 50% (articolo 13, comma 3 del Dl n. 210/2011); ma tale agevolazione fiscale, per gli immobili che non producono reddito, non è sufficiente a "coprire" gli ingenti costi di manutenzione e di restauro.

 

Le elevatissime aliquote marginali degli scaglioni Irpef penalizzano fortemente il proprietario persona fisica, e conseguentemente anche il conduttore, nelle locazioni commerciali, in quanto per esse manca la previsione, da parte del legislatore, di un sistema di "cedolare secca".

 

Appare infine evidente che il permanere della tassazione patrimoniale IMU, anche in presenza di immobili sfitti e di morosità degli inquilini, penalizzi fortemente i proprietari-locatori, persone fisiche, enti o società che siano.

 

Si ritiene quindi urgente e indifferibile l'introduzione:

 

- del meccanismo della "cedolare secca" anche per le locazioni di natura non abitativa e il riconoscimento dell’applicazione della “cedolare secca” nel caso di locazioni da parte delle società semplici;

 

- dell'esenzione dall' IMU e dalla TASI per i fabbricati (abitativi o commerciali) sfitti od occupati da inquilini morosi;

 

- dell'esenzione, dalla data della morosità, dalle imposte sui redditi per i canoni di locazione non percepiti relativi a unità immobiliari destinate a uso non abitativo.

 

- in presenza di locazione, di una Tasi posta a carico, per la stessa sua natura, dell' utilizzatore dell' immobile e non del proprietario.

 

- della riduzione dell' aliquota di tassazione IMU/TASI per gli immobili storici o artistici che non diano luogo ad alcun reddito. In modo tale da permettere margini a fronte dei gravosi oneri manutentivi.

 

Da ultimo, Assoedilizia si augura che la cosiddetta "pace fiscale", rientrante nelle linee programmatiche del Governo, abbia ad interessare, non solo le imposte erariali (IRPEF, IVA, imposta di registro), ma anche quelle comunali (IMU, TASI, TARI). In particolare, se si vuole svuotare anche il copioso contenzioso tributario avente a oggetto i tributi locali, si auspica che l'estensione di una " bonaria definizione" ai tributi comunali venga stabilita direttamente dal legislatore, senza quindi demandare la decisione finale ai singoli enti locali.

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes -5.86 0.2890 92,423,122 0.462
Beni Stabili -0.59 0.7540 1,711,272,973 0.799
Brioschi -0.29 0.0694 54,663,940 0.032
Coima Res 0.77 7.9000 284,455,300 0.074
Dea Capital 0.15 1.3160 403,501,524 0.382
Gabetti -1.07 0.2770 16,249,487 0.051
Hi Real -3.00 0.0291 2,114,861 0.000
Igd -0.42 6.8510 755,952,377 0.710
Italcementi 0.00 10.5800 3,695,283,794 0.000
Mutuionline -0.57 17.5000 700,000,000 0.271
Nova Re 1.24 4.8800 50,645,494 0.015
Prelios 0.00 0.1162 158,506,911 0.000
Risanamento -0.40 0.0247 44,480,853 0.009
Powered by Traderlink
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
-1.06 1,481.8000 153,839 0.007
0.62 989.9000 83,995,985 0.024
0.00 898.7000 59,924,417 0.024
-3.41 255.0000 132,987,600 0.007
0.46 13.1200 7,872,039 0.002
0.82 49.4000 13,262,616 0.000
-0.11 466.5000 56,913,000 0.000
0.18 84.9500 178,847,189 0.000
0.28 431.8000 48,965,256 0.000
-1.66 85.2100 123,974,330 0.037
1.08 410.0000 23,124,000 0.000
1.47 24.8500 1,528,374 0.000
1.28 4.1900 0 0.029
-0.25 37.5050 2,580,344 0.000
0.09 1,141.0000 0 0.062
0.89 554.9000 71,582,100 0.018
0.00 308.0000 18,480,000 0.000
3.54 274.9000 0 0.008
-2.07 56.8000 36,726,312 0.000
-0.41 725.0000 116,000,000 0.032
-2.20 586.8000 18,102,780 0.004
Powered by Traderlink
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE