NEWS

Voluntary disclosure flop. Ora c’è il rischio di nuove tasse

di Luigi Dell'Olio, Monitorimmobiliare 17 Luglio 2017

Tutto come previsto. Il 31 luglio, data limite per far emergere i capitali detenuti illegalmente, si avvicina e ormai è certo che la misura della voluntary disclosure bis non porterà l’incasso di 1,6 miliardi di euro stimato dal Governo. L’asticella, sostenevano sin dall’inizio molti addetti ai lavori, era stata collocata troppo in alto, pur di far quadrare le stime in sede europea. I veri problemi però sorgono ora: dato che l’incasso a fatica dovrebbe raggiungere il mezzo miliardo, come sarà reperito il miliardo e passa mancante? Sono in arrivo nuove tasse? Toccherà ancora all’immobiliare pagare il conto?

 

Il bilancio

Cominciamo dai numeri. A metà luglio, quindi a due settimane esatte dal termine, l’Agenzia delle Entrate aveva ricevuto 6.500 domande di regolarizzazione rispetto alle 27mila circa stimate dal Governo. Per quanto sia scontata una corsa alla regolarizzazione nel corso degli ultimi giorni a disposizione, pare utopistico che il risultato finale possa anche solo avvicinarsi all’obiettivo iniziale.

 

A chi tocca pagare?

Resta da capire come sarà coperto il buco da non meno di un miliardo di euro che si verrà a creare nei conti pubblici. La manovra correttiva della scorsa primavera, fiutando il flop in arrivo, ma senza dichiararlo, ha introdotto una clausola di salvaguardia, prevedendo un accesso più facile alla rottamazione delle liti tributarie. Ma non è affatto detto che questo basterà.

Il timore concreto è che, dando seguito alle richieste periodicamente in arrivo dalle istituzioni internazionali, si proceda con l’introduzione di un’imposta patrimoniale, magari anche severa, con l’intento di reperire risorse anche per il cuneo fiscale.

 

Patrimoniale in arrivo?

Ridurre la tassazione sul reddito prodotto, aumentando quella sul patrimonio è un auspicio che si sente ripetere da anni e che può anche avere una sua logica, in un Paese che vede la povertà concentrata soprattutto nelle fasce più povere della popolazione. Tuttavia dimentica due nodi essenziali: negli ultimi anni le imposte sull’immobiliare sono già cresciute a dismisura nel nostro Paese; il mattone, con il suo indotto, è la principale voce del Pil italiano. Soffocarne la ripresa significa mettere a rischio la crescita economica.

 

TAG
tags tasse
MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.31 0.4582 146,533,822 0.504
Beni Stabili -0.54 0.7420 1,684,037,860 1.503
Brioschi -0.36 0.0838 66,006,314 0.065
Coima Res 0.00 8.8100 317,221,670 0.297
Dea Capital -0.91 1.3030 399,515,566 0.357
Gabetti -0.63 0.3975 23,194,247 0.030
Hi Real 0.00 0.0000 0 0.000
Igd 3.56 1.0760 874,837,099 4.055
Italcementi 0.00 0.0000 0 0.000
Mutuionline 0.40 12.5000 494,410,875 0.181
Nova Re 0.20 0.3000 91,723,583 0.061
Prelios 0.00 0.1156 133,298,222 0.469
Risanamento -1.18 0.0334 60,148,197 0.130
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.00 1,345.0000 139,712 0.075
0.96 1,160.0000 98,429 0.075
0.48 834.0000 55,610,286 0.047
0.00 261.0000 136,116,720 0.014
-1.50 62.2500 37,350,187 0.003
-0.09 53.5000 14,363,359 0.011
0.00 0.0000 0 0.000
0.06 80.8500 170,215,365 0.018
0.02 445.1000 50,473,450 0.003
-0.62 87.6500 127,524,352 0.083
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 3.4500 0 0.000
-1.75 112.0000 7,705,600 0.000
1.48 1,165.0000 0 0.056
1.03 586.0000 75,594,000 0.008
1.00 303.0000 18,180,000 0.021
0.79 243.1000 0 0.007
-0.27 56.3500 36,435,347 0.003
0.06 845.5000 135,280,000 0.021
-0.86 692.0000 21,348,200 0.013
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE