NEWS

Stress test Bce: tra le prove che le banche dovranno affrontare anche il crollo del mattone

di Guglielmo Notari 29 Aprile 2014

Crollo del prezzo degli immobili e delle Borse: vengono contemplate anche queste due ipotesi dagli stress test che l'Eba (l'autorità bancaria europea) inizierà a somministrare ai 124 maggiori istituti continentali a partire da maggio, in previsione dell'accentramento delle funzioni di vigilanza in capo alla Bce.

 

In particolare la solidità delle maggiori banche europee verrà testata prevedendo uno scenario avverso che ipotizza un crollo del 21,2% dei prezzi immobiliari e del 19,2% dei mercati mobiliari regolamentati.

 

La comunicazione è ufficiale e arriva della stessa Eba.

 

Che non si tratti di una sorpresa lo dimostra l'iperattività degli istituti, compresi quelli italiani, nel volere fare pulizia dei debiti problematici.

 

Soprattutto di quelli immobiliari, che da un lato avvalora l'ipotesi di creare una bad bank in cui fare confluire gli incagli bancari rimettendo ordine nei bilanci degli istituti, dall'altro ha stimolato il mercato riportando sulla cresta dell'onda i non performing loan dopo anni in cui più nessuno nutriva interesse, e da un altro ancora ha stimolato alcune grandi realtà riorganizzarsi per risolvere il problema dei crediti non performanti, puntando anche sul mattone.

 

La funzione dei test Eba-Bce è fondamentalmente quella di verificare la solidità patrimoniale degli istituti europei a fronte di eventi economici negativi, dall'avverso sino al catastrofico.

 

Nel caso di bocciatura, quindi, le banche saranno tenute ad accantonare riserve patrimoniali sufficienti per raggiungere il grado di solidità necessario a far fronte all'ipotizzata burrasca.

 

Togliendo risorse da dedicare al mercato nel caso degli istituti messi meglio, o obbligando gli azionisti a intervenire con l'iniezione di nuove risorse per le banche più traballanti.

 

Come per esempio quelle italiane.

 

Riuscire a mettere i crediti incagliati fuori bilancio, vendendoli o conferendoli a una bad bank, appare ora la soluzione migliore.

 

Si eviterebbe cioè ulteriore stress ai conti oltre a quello imposto per test da Francoforte.

 

Purché il prezzo di cessione o conferimento, ovviamente, sia adeguato.

 

Sempre nello scenario avverso dell'Eba, inoltre, il Pil dell'Ue tornerebbe in recessione per due anni, con un calo dello 0,7% quest'anno e dell'1,5% il prossimo, mentre la disoccupazione raggiungerebbe nuovi record.

 

A differenza degli stress test precedenti, inoltre, nemmeno le attività cosiddette risk free, in pratica i titoli di stato, verranno considerate completamente prive di rischio.

 

E così anche per i titoli registrati come available for sale (pronti e disponibili alla vendita) gli istituti dovranno considerare perdite a partire dal 20% delle perdite potenziali quest'anno fino al 60% nel 2016.

 

Per essere promosse le banche dovranno superare tutte le prove con un coefficiente patrimoniale common equity Tier 1 di almeno il 5,5% ossia un equivalente del capitale azionario pari almeno al 5,5% degli asset soppesati per i rischi.

 

I risultati sono attesi per ottobre.

MAPPA
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.00 0.0000 0 0.000
Beni Stabili 0.00 0.0000 0 0.000
Brioschi 0.00 0.0000 0 0.000
Coima Res 0.00 0.0000 0 0.000
Dea Capital 0.00 0.0000 0 0.000
Gabetti 0.00 0.0000 0 0.000
Hi Real 0.00 0.0000 0 0.000
Igd 0.00 0.0000 0 0.000
Italcementi 0.00 0.0000 0 0.000
Mutuionline 0.00 0.0000 0 0.000
Prelios 0.00 0.0000 0 0.000
Risanamento 0.00 0.0000 0 0.000
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 500+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE