NEWS

La ripartenza (video)

Questa volta è ripresa vera. L’immobiliare si accoda alla ripresa dell’economia italiana. Ma il mercato è diventato più selettivo rispetto al precrisi

di Luigi Dell'Olio, Monitorimmobiliare 10 Settembre 2017

Il rischio di un rimbalzo questa volta non c’è. Perché i segnali che arrivano dall’interno del settore e dal contesto di fondo dell’economia nazionale e internazionale vanno tutti nella medesima direzione: l’immobiliare italiano sta intercettando il vento della ripresa. Certo non è immaginabile che si torni in breve tempo ai fasti del pre-crisi, e anzi non è nemmeno detto che si riproduca una situazione caratterizza dagli eccessi che poi hanno portato allo scoppio della bolla, ma sta di fatto che la crescita sta prendendo forza. Anche se il mercato è diventato più selettivo e manca ancora un tassello per completare il quadro positivo: quell’inflazione che è un ingrediente fondamentale per il mattone.

 

Il mercato

A delineare i trend del mercato è l’European Outlook 2018 presentato da Scenari Immobiliari, in occasione della presentazione del 25° Forum Scenari che si terrà a S. Margherita Ligure il 15 e 16 settembre. “Anche in Italia”, ha sottolineato il presidente della società, Mario Breglia, “la crisi è finita”, anche se “la ripresa appare più delicata, a causa delle debolezze strutturali del nostro Paese”.

Quanto alle cinque principali nazioni europee il fatturato dei mercati nel 2017 crescerà del sei per cento per arrivare quasi al nove il prossimo anno. Più forte la crescita in Eu28 con il 12,9 per cento, nettamente superiore all’otto per cento degli Usa. Spagna e Francia nel 2018 si troveranno in vero boom con fatturati in crescita superiore al dieci per cento. Anche l’Inghilterra dovrebbe recuperare dopo un cattivo biennio. La Germania crescerà in linea con l’Italia, poco più del sei per cento. Andamento positivo dell’economia, ripresa della domanda in tutti i settori e un po’ di inflazione stanno dando benzina ai mercati immobiliari europei. Le limitate realizzazioni di nuovo nel periodo di crisi hanno diminuito il prodotto disponibile (soprattutto di qualità) in tutti i Paesi. Questo riduce la vacancy e aumenta canoni e prezzi di vendita.

 

Soffre ancora il comparto industriale

Dall’European Outlook 2018 di Scenari Immobiliari emerge che i prezzi sono in ripresa in quasi tutti i settori (salvo l’industriale) con punte superiori al quattro per cento in Germania e Spagna. (come si vede nella tabella successiva)

Anche in Italia il dato medio nazionale è di un incremento dello 0,3 per cento nel residenziale a fine anno e un più netto 1,1 per cento di previsione per il 2018.

“È una media tra dati ancora molto diversi da città a città – commenta Breglia. Mentre a Milano, Venezia e in altre città le quotazioni sono in netto rialzo, nella maggior parte dei capoluoghi i prezzi sono ancora fermi o in lieve calo.”

 

Vincitori e vinti                  

L’European Outlook contiene anche un’analisi sui vincitori e vinti della crisi. Solo la Germania ha superato indenne la crisi immobiliari, invece negli altri Paesi le conseguenze sono state molto negative.

Il fatturato europeo è sceso (in termini monetari) del 7,3 per cento, ma di oltre il dieci per cento in quattro Paesi. I prezzi medi delle case sono scesi di quasi il nove per cento in Eu5, ma del 35,6 per cento in Spagna e del 15,6 per cento in Italia.

Milano e Roma hanno resistito alla crisi e ora si trovano con quotazioni medie leggermente superiori a dieci anni fa. Solo le città del nord Europa hanno registrato incrementi elevati.

               

Tra il 2000 e oggi il mercato immobiliare italiano è aumentato di quasi il cinquanta per cento, crescendo più della media europea (quasi il trenta per cento). La ripresa imboccata si consoliderà nel corso del prossimo anno, con un più 6,5 per cento nel residenziale (attese 630mila compravendite) e in settori in pieno boom come l’alberghiero.         

        

Dopo la presentazione dell’Outlook è stato annunciato il primo osservatorio “Il costruito per gli uomini del domani; osservatorio sulla sostenibilità ambientale: focus sull’efficienza energetica e sulla sicurezza”, realizzato da Scenari Immobiliari e Johnson Controls, che verrà presentato nel corso del 25° Forum Scenari.

 

Le interviste

Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari

“Quest’anno il Forum di Santa Margherita farà segnare numeri da record con oltre 300 presenze, di cui il 10% di stranieri. Segno del ritorno d’interesse verso un settore che sta vivendo una fase di nuovo positiva. Un po' come avviene nel calcio, ci sono Paesi come la Spagna che vanno bene e altri che fanno benino come l’Italia. Ma sta di fatto che si va verso numeri positivi per tutti i principali indicatori riguardanti il nostro Paese. Compresi i prezzi del residenziale, che finora aveva sofferto. Cresce inoltre la fiducia delle imprese  e delle famiglie, il che spinge i consumi. E la domanda comincia a scarseggiare, un indicatore importante per la crescita dei prezzi”.

 

Emanuele Caniggia, amministratore delegato di Idea Fimit

“Siamo molto onorati della presenza. I 25 anni del Forum costituiranno un’occasione fondamentale di confronto tra gli operatori. I temi dell’evento, cioè la città e la casa, sono gli elementi fondamentali dell’immobiliare per il nostro Paese. Per quanto ci riguarda, analizziamo con interesse a questo mercato. Per quanto ci riguarda, punteremo con decisione sull’esternazionalizzazione e sulla presenza nei mercati internazionali”.

 

Francesco Giaccio, presidente e amministratore delegato di Johnson Controls

“La nostra è un’azienda da trenta miliardi di dollari di fatturato, attiva nei sistemi tecnologici, riscaldamento e antincendio per gli immobili. Il nostro gruppo, che ha la sede principale negli Usa, conta  117mila dipendenti e conta oltre 8.700 brevetti. E’ presente in più di 150 Paesi del mondo e in più annovera molteplici certificazioni. Vediamo con grande interesse ai punti di interesse che emergono tra il mondo dell’industria e il settore del real estate”.



Questo articolo, con le videointerviste, è presente su REview di questa settimana. Leggi gratuitamente il numero completo!

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.31 0.4582 146,533,822 0.504
Beni Stabili -0.54 0.7420 1,684,037,860 1.503
Brioschi -0.36 0.0838 66,006,314 0.065
Coima Res 0.00 8.8100 317,221,670 0.297
Dea Capital -0.91 1.3030 399,515,566 0.357
Gabetti -0.63 0.3975 23,194,247 0.030
Hi Real 0.00 0.0000 0 0.000
Igd 3.56 1.0760 874,837,099 4.055
Italcementi 0.00 0.0000 0 0.000
Mutuionline 0.40 12.5000 494,410,875 0.181
Nova Re 0.20 0.3000 91,723,583 0.061
Prelios 0.00 0.1156 133,298,222 0.469
Risanamento -1.18 0.0334 60,148,197 0.130
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
0.00 1,345.0000 139,712 0.075
0.96 1,160.0000 98,429 0.075
0.48 834.0000 55,610,286 0.047
0.00 261.0000 136,116,720 0.014
-1.50 62.2500 37,350,187 0.003
-0.09 53.5000 14,363,359 0.011
0.00 0.0000 0 0.000
0.06 80.8500 170,215,365 0.018
0.02 445.1000 50,473,450 0.003
-0.62 87.6500 127,524,352 0.083
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 3.4500 0 0.000
-1.75 112.0000 7,705,600 0.000
1.48 1,165.0000 0 0.056
1.03 586.0000 75,594,000 0.008
1.00 303.0000 18,180,000 0.021
0.79 243.1000 0 0.007
-0.27 56.3500 36,435,347 0.003
0.06 845.5000 135,280,000 0.021
-0.86 692.0000 21,348,200 0.013
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE