NEWS

Il patto per ripartire (video)

di F.B. 23 Settembre 2017

I segnali di risveglio del mercato immobiliare non mancano e vanno rafforzati con l’impegno delle aziende ad accelerare sugli investimenti, ma il pubblico deve fare la sua parte assicurando meno burocrazia e una normativa stabile sugli incentivi. È un patto non scritto quello che serve al settore per tornare a correre come nel pre-crisi, secondo l’analisi di Marco Dettori, presidente di Assimpredil Ance, l'associazione che raggruppa le imprese di costruzione delle province di Milano, Lodi, Monza, Brianza. Il quale invita anche un terzo soggetto a impegnarsi per il rilancio: si tratta del settore bancario, chiamato a ripristinare condizioni di normalità nella concessione dei crediti. “Serve un’alleanza tra imprese, istituzioni e banche”, ha sottolineato Dettori nella

relazione che ha aperto l'assemblea generale. La richiesta dell’associazione è per “un radicale cambiamento delle agende amministrative per mettere in parallelo l’azione amministrativa con la necessità dei privati di fare impresa”. Anche se c’è il riconoscimento che “molto è stato fatto negli ultimi tempi, restano inaccettabili quattro mesi per una autorizzazione di occupazione del suolo pubblico per una cesata, incomprensibili 8 mesi per la rimozione di contatori di gas ed elettricità da un fabbricato da demolire, perché si altera qualsiasi ragionevole pianificazione finanziaria”.

 

Laboratorio Milano

Milano, in tal senso, può essere il laboratorio in cui sperimentare quest’alleanza tra soggetti pubblici e privati, dato che già in passato ha dimostrato di saper unire le forze per mirare a un obiettivo comune. Senza dimenticare che il capoluogo meneghino con il relativo hinterland è l’area del Paese che attira i maggiori investimenti in campo immobiliare: secondo la previsione di Scenari Immobiliari, considerando l’intera provincia potrebbero esserci più di 15 milioni di metri quadrati da rigenerare nei prossimi dieci anni, con un valore di investimento di circa 20 miliardi di euro, da Ema agli scali ferroviari, poi Cascina Merlata, Città Studi, Città della Salute, Ortomercato, Arexpo, progetto Periferie, il nuovo polo Eni a San Donato e il nuovo ospedale dei Santi Carlo e Paolo. “Qui ci sono tutte le condizioni perché riparta un ciclo di investimenti del mercato immobiliare che possa rigenerare il territorio, qui può essere superato il drammatico stallo delle risorse pubbliche, qui è possibile il dialogo all’interno della filiera e con le istituzioni”, ha aggiunto.

 

Sostegno alle Pmi

“Lo scenario che abbiamo di fronte è positivo, un contesto in cui si riconoscono i grandi potenziali. La ripartenza c’è, ma va consolidata”, ha sottolineato Dettori. “È importante che gli istituti di credito rivedano le proprie strategie per aiutare la crescita, per favorire le grandi trasformazioni, così come l’insieme dei piccoli e medi investimenti di ricucitura urbana necessari per gli anni a venire”, ha aggiunto. Assimpredil Ance punta anche l’attenzione sugli appalti per le grandi opere “che negli ultimi anni sono rimaste appannaggio di pochi grandi appaltatori” da cui sono rimaste escluse le piccole medie imprese che popolano il milanese. “C'è la necessità di tutelarle nella partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica in relazione al loro potenziale, per la creazione di posti di lavoro, crescita e innovazione”, ha quindi aggiunto il presidente dell’associazione.

 

Le interviste

 

Marco Dettori, presidente di Assimpredil Ance

“Il quadro della situazione è abbastanza positivo per il territorio. Nel territorio ci sono dei driver interessanti. Le aziende delle costruzioni possono spingere la ripresa, ma da sole non possono fare tutto. Occorrono flessibilità, responsabilità e controllo da parte delle istituzioni. A Milano si può creare un laboratorio per far crescere la collaborazione tra pubblico e privato”.

 

Giuseppe Sala, sindaco di Milano

“La Pubblica amministrazione deve fare due cose: ridurre il peso della burocrazia, comprese le tempistiche per le risposte alle imprese; quindi c’è un tema fiscale, ci deve essere l’impegno di tutti per aiutare le energie presenti nella società a esprimersi. Ragioniamo sul fisco locale, consapevoli che comunque non è facile far quadrare i conti. L’Ance ha fatto un richiamo ai tempi per i permessi che condivido, ci stiamo lavorando, ma bisogna fare di più. Mi pare che tutto ciò nasca in un momento in cui ci sono opportunità e grande serenità di dibattito. Milano vive un momento di crescita e apertura internazionale - ha aggiunto -, è una città che viene scelta anche dai giovani ed ha grandi aree da rigenerare”.

 

Fabrizio Sala, vicepresidente Regione Lombardia

“Il senso del nostro intervento è il sostegno ad Ance in tema di semplificazione delle normative. Si pensi al provvedimento appena approvato sui seminterrati, che velocizza le procedure ed elimina le imposte. Ricordiamo che fare i bilanci delle regioni non è facile: noi lo abbiamo fatto rinunciando a parte delle spese correnti in favore delle spese per investimenti, dal campo sanitario alle ristrutturazioni delle scuole. Aiutiamo il volano della crisi, il settore delle costruzioni”.



Questo articolo, con le videointerviste, è presente su REview di questa settimana. Leggi gratuitamente il numero completo!

MAPPA
COMMENTI
 
ULTIME NOTIZIE
QUOTAZIONI
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
Aedes 0.00 0.3787 121,109,468 0.124
Beni Stabili -1.95 0.7290 1,654,533,153 2.868
Brioschi 0.54 0.0740 58,287,199 0.055
Coima Res 1.16 8.3000 298,858,100 0.103
Dea Capital 0.83 1.3390 410,553,602 0.256
Gabetti -0.15 0.3995 23,310,947 0.082
Hi Real 0.00 0.0000 0 0.000
Igd 0.00 0.9500 772,393,349 1.669
Italcementi 0.00 0.0000 0 0.000
Mutuionline 1.50 12.8600 508,122,648 0.273
Nova Re -3.89 0.3412 104,320,288 0.528
Prelios -0.09 0.1160 133,759,462 0.151
Risanamento 0.00 0.0353 63,569,801 0.180
VAR, %QUOT. €CAPITALIZ. €SCAMBI €
-0.43 1,377.0000 143,036 0.099
0.00 1,010.0000 85,702 0.019
0.00 720.0000 48,008,880 0.024
-0.40 252.0000 131,423,040 0.026
0.00 62.0500 37,230,186 0.000
0.60 75.5500 20,283,211 0.010
0.00 0.0000 0 0.000
0.19 80.1500 168,741,638 0.091
0.00 449.9000 51,017,760 0.029
-0.17 89.8000 130,652,445 0.014
0.00 0.0000 0 0.000
0.00 0.0000 0 0.000
-0.56 3.5300 0 0.012
0.00 112.0000 7,705,600 0.003
0.00 583.0000 75,207,000 0.000
0.00 298.0000 17,880,000 0.000
-0.41 243.0000 0 0.012
-0.09 58.0000 37,502,220 0.001
1.78 827.5000 132,400,000 0.201
0.00 706.0000 21,780,100 0.000
NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Iscriviti ora
La tua richiesta è andata a buon fine. Riceverai la newsletter con le nostre notizie più interessanti.
Ci sono stati problemi nell'ivio della richiesta. Prova nuovamente o inviaci una mail a info@monitorimmobiliare.it
TWITTER
SOCIAL
Subscribe to RSS followers 3.117 Fan 141.901 visualizzazioni 30.416 visualizzazioni 5000+ collegamenti
EVENTI REAL ESTATE